LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

D’Ippolito ( M5S): “La nomina di Mariolina Tropea nel cda di Lameziaeuropa è incompatibile”

2 min read
giuseppe d'ippolito-LameziaTermeit

Giuseppe d'Ippolito

Il neo eletto deputato pentastellato Giuseppe D’Ippolito affida a una nota stampa la sua richiesta al presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno (Pd), per la revoca della nomina di Mariolina Tropea nel cda di Lameziaeuropa, “nomina viziata da incompatibilità di legge” secondo lo stesso D’Ippolito.

mariolina tropea-LameziaTermeit
Mariolina Tropea

Comunicato stampa:

«Per incompatibilità di legge, Mariolina Tropea, dipendente della scuola, non può ricoprire l’incarico di rappresentante della Provincia di Catanzaro nel consiglio di amministrazione della società Lamezia Europa». Lo afferma, in una nota, il deputato M5s Giuseppe d’Ippolito, con riferimento al recente decreto di nomina di Tropea, firmato dal presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno.

«Pertanto – prosegue D’Ippolito – chiedo al presidente Bruno di revocare il provvedimento, perché la nomina in questione non è in alcun caso rispettosa delle norme vigenti. Se il Partito democratico vuole voltare pagina, dopo il giudizio che gli elettori hanno espresso lo scorso 4 marzo, cominci a intervenire sul tema delle nomine, rispettando le regole e facendole rispettare. Ricordo, in proposito, la totale assenza di risposte del governatore Mario Oliverio sulla nomina, manifestamente illegittima, del suo consulente per la Sanità, Franco Pacenza, già segnalata dal Movimento 5stelle».

«Gli elettori calabresi – sottolinea D’Ippolito – ci hanno preferito ai vecchi partiti proprio perché abbiamo sempre preteso legalità nelle amministrazioni pubbliche e perché siamo intervenuti con cognizione rispetto a tante nomine illegittime, su cui in alcuni casi si è pronunciata perfino l’Anticorruzione nazionale, dandoci ragione». «Invito Bruno – conclude D’Ippolito – a tornare indietro sulla nomina di Tropea, il che sarebbe un chiaro segnale di ravvedimento. Diversamente, dovrò interessare le istituzioni di competenza».