Disastro aereo delle Ande, cannibali per sopravvivere

In Illo Tempore, Ultime notizie On
- Updated

Glaciar de las Lágrimas, cordigliera delle Ande. Il 13 ottobre 1972 il velivolo Fokker Fairchild FH-227D della Fuerza Aerea Uruguayana, partito da Montevideo e diretto a Santiago del Cile, a causa di un errore tecnico si schianta contro un roccione delle catena montuosa andina. È il disastro aereo delle Ande. Nell’impatto muoiono diciotto delle quarantacinque persone a bordo dell’aereo, molti dei quali giocatori dell’Old Christians Club, squadra uruguaiana di rugby.

COSTRETTI AL CANNIBALISMO – Dispersi tra la neve di quel luogo imprecisato delle Ande, altre undici persone moriranno nei giorni successivi a causa del terribile freddo (le temperature notturne scendevano anche ai 30 gradi sotto lo zero), delle ferite riportate e in seguito a una valanga che la notte del 29 ottobre colse i superstiti addormentati tra i rottami del velivolo. Nessun soccorso arriverà poiché nel Paese si erano perse le speranze di ritrovare l’aereo scomparso. Mentre le settimane trascorrono, i sedici superstiti bloccati in mezzo alle montagne, senza più provviste e con le speranze di sopravvivere che diventano ogni giorno più utopiche, si trovano costretti alla tragica decisione di nutrirsi mangiando i cadaveri dei compagni. Una scelta dolorosa per tutti, ma necessaria per tenersi in vita.

Parrado e Canessa. Disastro aereo delle Ande
Fernando Parrado e Roberto Canessa. Al centro un soccorritore.

FINE DELL’INCUBO – Due dei sopravvissuti, Roberto Canessa e Fernando Parrado, consapevoli che le speranze di uscire vivi da quel luogo a 3600 metri di altezza non erano più molte, decisero allora di tentare un temerario attraversamento a piedi delle Ande per cercare soccorsi. Il 23 dicembre, settantadue giorni dopo la tragedia, l’incubo finì: Canessa e Parrado valicarono le Ande raggiungendo un villaggio e lanciarono l’allarme.
Sulla fortissima esperienza Roberto Canessa, autore del libro-documento “Dovevo sopravvivere”, ha detto in una recente intervista: «Mi sono reso conto che gli esseri umani quando materialmente non hanno più nulla, riescono a compensare spiritualmente e diventare forti».
Alcuni film sono stati dedicati al disastro aereo delle Ande: nel 1976 fu girato “I sopravvissuti delle Ande”, pellicola messicana diretta da René Cardona; è del 1993, invece, il film “Alive-Sopravvissuti” del regista americano Frank Wilson Marshall. Come Canessa, pure Parrado ha raccontato la sua incredibile storia attraverso le pagine di un libro: insieme a Vince Rause ha scritto “72 giorni: la vera storia dei sopravvissuti delle Ande e la mia lotta per tornare”.

Antonio Pagliuso

Articoli Correlati

Reggio Calabria. Dalla produzione allo spaccio, sgominata banda

La Guardia di finanza arresta 10 persone (altro…)

Read More...
Sindaci bloccano l'impianto di termovalorizzazione di Gioia Tauro

Sindaci bloccano l’impianto di termovalorizzazione di Gioia Tauro

Impedito il conferimento da altri comuni, 'situazione drammatica' (altro…)

Read More...
Il collettivo EFFE presenta la Talk con Luca Santese e Marco P. Valli di Cesura

Il collettivo EFFE presenta la Talk con Luca Santese e Marco P. Valli di Cesura

Il 16 e 17 novembre 2019 si è tenuta una talk organizzata dal collettivo fotografico EFFE che opera da

Read More...

Mobile Sliding Menu