A due anni dalla scomparsa, la famiglia ricorda l’avvocato Pagliuso

In Attualità, Ultime notizie On
A due anni dalla scomparsa, la famiglia ricorda l'avvocato Pagliuso

Di seguito la lettera che Antonella, la sorella dell’ avv. Francesco Pagliuso, leggerà questo pomeriggio durante la commemorazione che si terrà oggi, 9 agosto 2018 alle ore 18.00 al santuario di Nostra Signora di Fatima a Soveria Mannelli, a 24 mesi dalla sua scomparsa

«Volevo che tu imparassi una cosa da lui: volevo che tu vedessi che cosa è il vero coraggio, tu che credi che sia rappresentato da un uomo con la pistola in mano.

Ma ti sbagli, questo non è il vero coraggio.

Il coraggio io l’ho visto in chi ha sempre saputo vivere a testa alta, non accettando di piegarsi alle logiche perverse di chi pensa di poter ottenere qualunque cosa con violenza e soprusi.

L’ho visto nella lealtà, nella nobiltà d’animo, nella trasparenza di un uomo, di un figlio, di un fratello, di un padre.

L’ho visto in chi non ha mai avuto esitazioni nel decidere da che parte stare ed in chi, esemplarmente, non ha mai lasciato dietro di sé, nella strada che lo ha condotto fino in cima, brandelli di dignità.

Il coraggio non è di chi pensa di essere il più forte.

Non è di chi, prode dell’arma che impugna, uccide.

Non è di chi decide che un uomo, un figlio, un fratello, un padre, debba morire.

Non è coraggio quello di chi inneggia alla vendetta.

Il coraggio vero, sta nell’essere consapevoli che non esisterà mai vento capace di stravolgere la direzione dei tuoi passi, condizionare il flusso dei tuoi pensieri, stravolgere la tua essenza di uomo.

In lui Io l’ho visto, io l’ho conosciuto il vero coraggio e per questo oggi sono riconoscerlo.

Lo ritrovo nella gente che rimane, dopo che quella pistola ha sparato e ucciso, nei volti di chi non ha mai abbassato la testa, nella fedeltà che solo chi ama incondizionatamente conosce e può offrirti.

Lo rivedo in chi continua a sperare e a credere nella Giustizia, consapevole che potrà tardare, ma che esiste sempre una strada attraverso la quale la Giustizia, quella vera, sarà fatta.

Certo, avere coraggio, in fondo, è anche sapere di poter essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare fino in fondo, qualsiasi cosa succeda.

E’ raro vincere in questi casi, ma qualche volta si vince.»

Antonella Pagliuso

 

Articoli Correlati

Lamezia. Atti vandalici in due parch

Lamezia. Atti vandalici in due parchi

Episodi a distanza di pochi giorni uno dall'altro (altro…)

Read More...
Il Rumore delle cose passate che fa ancora Rumore

Il Rumore delle cose passate che fa ancora Rumore

I primi anni '90 sono stati particolarmente segnati da sanguinosi fatti di mafia: e ricordiamo soprattutto quelli dopo la

Read More...
Bronzo per Simona Villella ai 35^ Europei di ginnastica ritmica di Baku

Bronzo per Simona Villella ai 35^ Europei di ginnastica ritmica di Baku

Si è conclusa con una medaglia di bronzo la partecipazione di Simona Villella e della squadra italiana junior ai

Read More...

Mobile Sliding Menu