LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Il Duo Windsor Ballista omaggia Claude Debussy

3 min read
Lamezia. Il duo Windsor Ballista omaggia Claude Debussy

Lamezia. Il duo Windsor Ballista omaggia Claude Debussy

Il concerto rientra nell’ambito del progetto Circolazione Musicale in Italia promosso dal CIDIM Comitato Nazionale Italiano Musica e sostenuto con i fondi del MiBACT e della Regione Calabria.

Domenica 6 maggio 2018 alle h 18,30 presso il Palazzo Guzzi sito in via P. Celli 23 di Nicastro avrà luogo una prestigiosa manifestazione musicale organizzata da AMA Calabria che ha per protagonista il duo di fama internazionale costituito dal soprano Lorna Windsor e dal pianista Antonio Ballista in un progetto originale dedicato alle melodie di Claude Debussy nel centenario della scomparsa.

Debussy era poco più che un ragazzo, studiava al Conservatorio di Parigi senza troppo successo ma, quasi in segreto, scriveva delle liriche di rara bellezza destinate ad una dama della buona borghesia parigina fornita di una bellissima voce di soprano leggero e di uno charme  un po’ civettuolo che riuscì a incatenare il cuore e i sensi di quel musicista in erba.

Tra queste liriche, che paiono spesso frementi dichiarazioni d’amore, si trovano i primi capolavori di Debussy. Vi si riconosce qualcosa di inconfondibilmente fluido ed elegante che irradia già un poco di quello splendore che avvolgerà parecchi anni dopo i capolavori di “Claude de France”.

Queste liriche, e naturalmente quelle che sarebbero seguite negli anni, costituiscono una specie di diario intimo e profondo che vale la pena di narrare, rievocare ed ascoltare, poiché sorpresa e meraviglia ci attendono ad ogni battuta.

Lorna Windsor, formata alla Guildhall School of Music & Drama di Londra studiando canto, viola e pianoforte, ha approfondito il repertorio liederistico con Elisabeth Schwarzkopf, Gérard Souzay e Hans Hotter.

In virtù di un approccio aperto e di un’ampia prospettiva stilistico-musicale, la sua carriera segue sin dall’inizio strade parallele: dall’opera lirica al teatro di prosa, passando per il recital e la musica da camera, il repertorio barocco e quello contemporaneo.

È stata Donna Anna nel Don Giovanni a Glyndebourne, Despina in Così fan tutte sotto la direzione di Claudio Abbado, e ha collaborato con Giorgio Strehler. Si è esibita, inoltre, ne La Secchia Rapita di Antonio Salieri sotto la direzione di Frans Brüggen e è stata Euridice nell’omonima “favola drammatica” di Jacopo Peri al Théâtre du Châtelet.

Ha cantato in West Side Story e Trouble in Tahiti di Bernstein al Théâtre des Champs Elysées di Parigi. Regolarmente ospite dei più importanti teatri del mondo, ha registrato RAI, ORF, RTS, BBC Radio 3.

Antonio Ballista è pianista, clavicembalista e direttore d’orchestra. Dall’inizio della carriera non ha posto restrizioni alla propria curiosità, dedicandosi all’approfondimento delle espressioni musicali più diverse.

Da sempre convinto che il valore estetico sia indipendente dalla destinazione pratica e che le distinzioni di genere non debbano di per sé considerarsi discriminanti, ha effettuato personalissime incursioni nel campo del ragtime, della canzone italiana e americana, del rock e della musica da film, agendo spesso in una dimensione parallela tra la musica cosiddetta “di consumo” e quella di estrazione colta.

Particolarissimi per invenzione, originalità e rigore, i suoi programmi, che sconfinano talvolta nel teatro, ampliano spesso gli ambiti rituali del concerto. Da oltre 60 anni svolge ininterrottamente una intensa attività artistica in tutto il mondo come solista e in duo pianistico con Bruno Canino. Ha suonato sotto la direzione di Abbado, Bertini, Boulez, Brüggen, Chailly, Maderna e Muti.

Un appuntamento dunque di quelli da non perdere per l’assoluta qualità degli interpreti e per il particolare repertorio che viene presentato per la prima volta in Calabria.