LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Un etilometro per rilevare il Coronavirus in pochi secondi

2 min read
tampone coronavirus

Sembra impossibile eppure c’è chi ci ha pensato: ovvero rilevare in pochi secondi la presenza del Covid-19 attraverso un etilometro

Attualmente i test prevedono un tampone nasale per ottenere un campione sufficiente che poi, trasferito in laboratorio, genererà dei risultati molte ore dopo o addirittura giorni.

A sviluppare questo metodo innovativo sono i ricercatori della Ohio State University che stanno testando un etilometro in grado di rilevare i metaboliti correlati a un’infezione da COVID-19 entro quindici secondi.

Tale tecnologia può consentire, in base a proiezioni di massa, screening veloci su coloro i quali partecipano ad esempio a grandi eventi o più semplicemente negli aeroporti.

L’analisi del respiro non è ancora una tecnica ampiamente utilizzata in campo medico, quindi è considerata un lavoro in fase iniziale” ha dichiarato Perena Gouma, la principale sviluppatrice del nuovo dispositivo, in un annuncio dello Stato dell’Ohio.

Siamo in possesso di un sensore che rileva l’ossido nitrico e i COV (composti organici volatili) nel respiro e può essere utilizzato per rilevare l’inizio di una malattia infettiva“.

Insieme all’ossido nitrico, altri due metaboliti sono controllati dal nuovo etilometro che sono correlati a COVID-19. Poiché il dispositivo indica le concentrazioni di metaboliti, può anche aiutare con il monitoraggio della malattia per valutarne la progressione. Si era scoperto che l’originale etilometro in dotazione al team di Gouma, costruito nel 2017, era in grado di aiutare a rilevare l’insorgenza dell’influenza prima che i sintomi fossero evidenti. Il nuovo dispositivo si basa su nuovi nano materiali che possono intrappolare e misurare e i gas rilevanti analizzati. Apparentemente la tecnologia è economica da produrre e quasi tutti possono eseguire un test usando l’etilometro. I risultati vengono visualizzati sul dispositivo entro quindici secondi e non richiedono alcuna interpretazione.

Stiamo lavorando per realizzare questi monitor portatili che saranno ampiamente distribuiti e sono molto economici” ha aggiunto Gouma.

Riccardo Cristiano