LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Fateci sentire lametini!

3 min read
comune sambiase

Possibile che l’ex comune di Sambiase, con la sua storica struttura comunale con il suo “Municipio”, con la sua delegazione, con i suoi uffici, deve vivere ormai da tempo una chiusura totale che mortifica l’intera cittadinanza?

Comunicato Stampa

Insomma tutto lasciato all’abbandono, senza alternative, senza nessuna speranza politicamente dichiarata.

E per favore nessuno parli di campanilismo!!!

Sambiase, con la sua storia; con la sua realtà; con i suoi eroici concittadini; a partire da Nicotera e Fiorentino; potrebbe meritare maggiore rispetto o no?

Ricordiamolo, “i suoi figli” si sono spesi partecipando e contribuendo attivamente all’Unita’ d’Italia; hanno vissuto il Risorgimento in prima linea! E oggi? Subiscono un nuovo decadimento!

La delegazione comunale di Sambiase, è un emblema per l’intera città. Ospita la storia risorgimentale e non solo!

E la Sala consiliare? Non può rimanere chiusa!!! Così come occorre ridare tutti i servizi che i cittadini di questa parte di città, beneficiavano. Si possono capire alcune ragioni: tra cui la mancanza di personale finalizzato!!

Ma la domanda è: se non si possono ridare i tradizionali uffici e servizi, possibile che nessuna altra prerogativa può ospitare l’importante struttura sambiasina?

Ci si domanda: quali iniziative sono state poste in essere per la riapertura della delegazione di che trattasi?

Diversamente, quali sono le alternative ?

Insomma, prima ancora che si possano verificare problematiche che ne danneggiano la bellezza, rappresentata dalla sua intrinseca storia, con la Sala consiliare che mostra i suoi Eroi,  i suoi uomini illustri, la sua cultura , i suoi poeti, come Costabile, oltre alla realtà del nobile vissuto, quando potrà essere aperta al pubblico la struttura di Viale della Libertà ?

Si anela la dovuta risposta da parte dell’amministrazione comunale, sui tempi, sulle ragioni e sulle proposte alternative, che non possono essere solo la chiusura e basta!

Insomma partendo dall’unificazione di Lamezia, avvenuta come risaputo a gennaio del 1968, l’ex comune di Sambiase prova dolore, rabbia e smarrimento, dopo che all’Unita’ d’Italia tanto ha dato e con L’Unità di Lamezia, tanto ha perso, ovvero:
-il suo carcere; Il suo ospedale;
-Le sue cantine; Il suo enopolio;
-il suo ist. tecnico Industriale;
-la sua guardia medica;
-la sua stazione ferroviaria;
-la sua fiera; il “suo ospedale”;
-il suo museo della memoria;
-la casa dei vini; Parco Mitoio ? Chiuso ; Mattatoio via delle rose;
-L’Ufficio C.I.S.I.A. (che aveva competenza territoriale per i distretti di Corte d’appello di Catanzaro e di Reggio Calabria, Coordinamento Interdistrettuale dei S.I.A. operante in Via Cupiraggi);
-L’Ufficio Forestale; l’Istituto Magistrale; l’abbandono dei suoi vagli ; i suoi cinema, “Grandinetti nato nel 1919, ( forse uno dei primi nel sud),  la festa del carnevale; ecc ecc.

Adesso anche la sua delegazione comunale con tutti gli uffici?

E basta !!“Fateci sentire lametini”!!!

Quanto esposto, è stato discusso nella sede dell’Osservatorio Sociale San Nicola, con la partecipazione di numerosi sambiasini e  “sambiasinizzati”, dove la problematica complessiva è stata dibattuta per assumere iniziative , nel senso del rispetto di questa parte di città.

Cosa risponderà l’amministrazione comunale, nei tempi e nei modi?  Si attendono risposte !!! .

Osservatorio Sociale San Nicola
il Portavoce: Salvatore De Biase

Click to Hide Advanced Floating Content