LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Filastroccando: gallinella zoppa zoppa…

2 min read

Antica filastrocca che si è tramandata per generazioni: protagonista una gallina azzoppata, senza che la cosa pesi, assolutamente!

A differenza di altre Regioni italiane dove il testo tende a dilungarsi per parecchi versi (come nella Marche, ad es.: «Chicchiricù galìna zzoppa / chicchiricù chi l’ha ‘zzuppàta / chicchiricù le tre galìne / chicchiricù ‘ndù sarà jite / chicchiricù è jite al ballu / chicchiricù cu’ c’è da cena / chicchiricù c’è la ‘nzalàta / chicchiricù nun è capàta / chicchiricù càpela tu / chicchiricù nu’ la ‘oju più».

Trad.: «Chicchirichì gallina zoppa / chicchirichì chi l’ha azzoppata / chicchirichì le tre galline / chicchirichì dove saranno andate/ chicchirichì sono andate al ballo / chicchirichì cosa c’è da cena / chicchirichì c’è l’insalata / chicchirichì non è mondata / chicchirichì mondala tu / chicchirichì non la voglio più»), la nostra si contraddistingue per brevità, sottraendo il verso onomatopeico di questo simpatico animale da cortile, per arrivare direttamente alla conta «gallinella zoppa zoppa quante penne tieni ‘n coppa? Ndaju 24, 1,2,3,4!», («la gallina zoppa zoppa/ quante penne ha in groppa?/ Ne porta ventiquattro / un due tre e quattro»).

Probabilmente in questo novecentesco gioco della nostra infanzia ha giocato un ruolo fondamentale la cultura partenopea («‘A gallina zoppa zoppa, / quanti penne tene ncoppa?  / E ne tene vintitrè, uno, doje e tre. / E teneva nu turnesièllo, / e s’accattàje nu susamièllo; / mièzo a me, mièzo a te, / mièzo a’ figlia d’ ‘o Re!») da cui avrebbe mutuato solo la prima quartina. Poi è nata la canzone del “Pulcino ballerino”, che ha fatto cantare e ballare mezzo mondo: ancora oggi la più venduta tra i singoli dello Zecchino d’Oro!

Qui il nostro piccolo pennuto, triste per non riuscire a camminare come tutti i suoi amici, si riscatta imparando la divertente danza dell’hully gully, che si adatta perfettamente alle sue capacità.  Da tutto ciò se ne deduce che ognuno con le forze che può riesca a trovare la sua strada tra difficoltà e diversamente abilità.

Dall’uovo gobbo
Di una gallina zoppa
Nacque un pulcino
Che zoppicava un po’.
Sembrava triste
Perciò la mamma chioccia
Per consolarlo
L’hully gully gli insegnò…

Ticche tocche – Ticche tocche
Il pulcino dopo un po’
Ticche tocche – Ticche tocche
A ballare incominciò…
Tre galletti verdi e gialli
Professori di hully gully
Il pulcino ballerino
Salutarono così:
Chicchirichì…! Chicchirichì…!

Per l’hully gully
Di quel pulcino zoppo
Grilli e cicale
Facevano «cri cri»!
Il babbo gallo
Scoppiava dalla gioia
E nel pollaio
Una festa organizzò…

Ticche tocche – Ticche tocche
Il pulcino dopo un po’
Ticche tocche – Ticche tocche
A ballare incominciò…
Tre galletti verdi e gialli
Professori di hully gully
Il pulcino ballerino
Salutarono così:
Chicchirichì…! Chicchirichì…!

Tre galletti verdi e gialli
Professori di hully gully
Il pulcino ballerino
Salutarono così:
Chicchirichì…! Chicchirichì…! Chicchirichì…!

Tutto questo noi lo abbiamo appreso cantando e filastroccando, prima che nascesse il PEI, pensate un po’!

Prof. Francesco Polopoli