Fittante: da cosa nasce la scelta di curarsi fuori regione?

In Politica On
doppio intervento al grande ospedale metropolitano-LameziaTermeit

Da giorni imperversa sulla stampa locale e sui social la notizia che la Regione Calabria paga a quelle del centro – Nord la somma di mezzo miliardo di euro all’anno per interventi sanitari prestati a cittadini calabresi ricoverati nei loro ospedali

Comunicato Stampa

Certo non costituisce una sorta di “abuso” di quelle Regioni, come certi titoli lascerebbero intendere. Piuttosto sono la conseguenza delle scelte dei cittadini calabresi di farsi curate fuori Calabria.

Il mezzo miliardo che paghiamo alle Regioni del Centro-Nord, è la risultante delle tariffe applicate per categoria di intervento effettuato.

Sarebbe interessante far conoscere all’opinione pubblica la statistica delle prestazioni assicurate distinti per “patologie” di intervento.

Dagli ambienti sanitari della nostra regione trapelano dati significativi e preoccupanti. Non si va negli ospedali del nord per prestazioni di alta specializzazione.

Ci si ricovera prevalentemente e in numero consistente per interventi chirurgici ordinarissimi (appendicite, ernie e simili).

Se così è, bisogna domandarsi da cosa nasce la scelta di recarsi fuori regione: sfiducia nella qualità delle prestazioni che i nostri Ospedali sono in grado di assicurare? Carenza di strutture e personale ospedalieri che non tranquillizzano i pazienti? Liste di attesa molto lunghe? O cos’altro?

Siccome è da presumere che, a fronte della richiesta di rimborsi finanziari, gli ospedali delle Regioni meta dei pazienti calabresi, forniscono anche l’elenco nominativo dei soggetti avuti in cura, sarebbe interessante farli diventare oggetti di indagine del perchè hanno preferito recersi fuori Calabria piuttosto che recarsi nel migliore nostro nosocomio.

La risultanza dell’indagine potrebbe fornire finalmente il quadro delle scelte che annualmente si compiono, in assenza di azioni politiche, ammnistrative e organizzative mirate a rimuovere le cause che spingono migliaia di nostri concittadini ad emigrare per necessità sanitarie.

I dati sull’emigrazione per lavoro e per studio, segnalano che annualmente lasciano la Calabria, senza però spostare la residenza, 280/3000 giovani diplomati o laureati e lavoratori comuni.

Questa persone per curarsi si recano presso le strutture sanitarie dove hanno il domicilio (prevalentemente nel centro – nord l’Italia e all’estero).

Quanto incidono le prestazioni assicurate nel volume di trasferimenti dalla nostra Regione a favore di quelle del Centro-Nord?

on. Costantino Fittante

Articoli Correlati

Massimo Cristiano

Cristiano (MTL): rivedere contratto di igiene urbana

In data odierna si è riunita la prima Commissione consiliare permanente Affari generali - decentramento presieduta e convocata dal

Read More...
Mastroianni (PD): lavori sicurezza Palasparti importante segnale di volontà

Lettera aperta di Mastroianni (PD) al sindaco Mascaro su degrado

Riceviamo e pubblichiamo lettera aperta del consigliere comunale del Partito Democratico Nicola Mastroianni al sindaco Mascaro sullo stato di

Read More...
L'accademia di Danza Rodik Ballet alla finale dell'International excellent competition

L’accademia di Danza Rodik Ballet alla finale dell’ International excellent competition

L'accademia Rodik Ballet di Lamezia Terme guidata da Antonia Valeria Torcasio, maestra e coreografa, lo scorso 17 marzo, ha

Read More...

Mobile Sliding Menu