LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Fittante: si istituisca a Lamezia la facoltà universitaria di scienze turistiche

2 min read
Vitalizi. Costantino Fittante scrive al ministro Luigi Di Maio

La mozione del Consigliere Comunale avv. Rosario Piccioni datata 15 ottobre e protocollata al Comune, per l’istituzione a Lamezia di una Facoltà Universitaria in Scienze Turistiche, andrebbe al più presto possibile sottoposta all’esame e all’approvazione del Consiglio Comunale

I tempi hanno la loro importanza.

Nel programma di utilizzazione dei finanziamenti europei della “Recovery Fund” è prevista l’elaborazione e il finanziamento di un progetto relativo a cultura, scuola, università, ricerca al quale sono direttamente interessate le Università italiane.

Gli Atenei calabresi senza alcun dubbio faranno la loro parte per proporre il miglioramento e lo sviluppo del sistema universitario calabrese, proponendo interventi mirati.

In questo contesto potrebbe trovare posto l’istituzione della Facoltà ipotizzata dal magistrato dott. Nicola Gratteri che ha già ricevuto accoglienza in settori culturali della Città.

Mi permetto di suggerire al Presidente del Consiglio Comunale prof. Peppino Zaffina, sempre attento alle problematiche cittadine, di sottoporre nei prossimi giorni la mozione alla Commissione consiliare competente.

Il voto della Commissione, in attesa di quello del Consiglio, costituisce una sorta di premessa all’istaurazione di un rapporto con l’Università “Magna Graecia di Catanzaro.

I nostri rappresentanti (Sindaco, Assessore, delegazione di Consiglieri) si presenterebbero ai necessari incontri, da richiedere subito e ufficialmente al Rettore, avendo alle spalle una mozione approvata da una articolazione del Consiglio Comunale della Città, quindi potranno esprimere con più forza la richiesta perché l’Università “Magna Graecia” proponga l’istituzione del Campus Universitario del Turismo a Lamezia e perchè il Ministero dell’Università e della Ricerca preveda a inserirla tra le iniziative da finanziare con i fondi europei. Per altro l’iniziativa avrebbe un alto grado di credibilità circa la disponibilità del Comune di mettere a disposizione le strutture indicate nel documento del Consigliere Piccioni.

Approfitto per rivolgere un appello ai Parlamentari e Consiglieri Regionali lametini e catanzaresi, a tutti i Consiglieri Comunali, alle forze politiche che li hanno espressi, all’Associazionismo Culturale, Sindacale e Imprenditoriale della Città, ai Dirigenti Scolastici e ai Sindaci del Comprensorio, sollecitando il loro sostegno sulla proposta istitutiva del Campus Universitario.

Un corale pronunciamento a favore della ipotesi di istituire il Campus, può rappresentare la giusta sollecitazione nei confronti di chi deve decidere: Università “Magna Graecia” e Ministero dell’Università e della Ricerca.

Circa il ripristino del “polo universitario” di Agraria, per molti anni operante a Lamezia e chiuso a seguito delle disposizioni ministeriali tesi a scaricare sul Comune tutti gli oneri finanziari per il suo mantenimento, è necessario istaurare un rapporto con l’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria della quale il polo costituiva un decentramento per il suo ripristino, mettendo al centro del confronto le caratteristiche della Piana: esistenza di una delle più interessanti filiere dell’agroalimentari con potenziali possibilità di sviluppo e interessanti sperimentazione di prodotti innovativi, predisposizione di attività imprenditoriali per la filiera degli imballaggi, ecc..

on. Costantino Fittante