LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Forum MWIA su malattie croniche e differenze di genere, presiede Caterina Ermio

2 min read

Il XXXVIII congresso nazionale delle Donne Medico sarà presieduto dalla lametina Caterina Ermio

PALERMO. Appuntamento MWIA a Palermo con una forte presenza lametina.

Dal 27 al 29 aprile, a Palazzo dei Normanni per il giorno dell’inaugurazione e al circolo unificato Esercito Palermo in piazza Sant’Oliva nei giorni successivi, si svolgerà il XXXVIII congresso nazionale delle Donne Medico “Approccio multidisciplinare alle malattie croniche e differenze di genere” .

Ad aprire i lavori la sessione internazionale del congresso regionale Medical Women’s International Association (MWIA) del Sud Europa in Italia.
“Questo congresso evidenzierà l’impatto del sesso e del genere nelle malattie e nei loro trattamenti per aumentare significativamente l’integrazione degli aspetti sesso / genere in medicina e per migliorare l’assistenza sanitaria a lungo termine per entrambi i sessi”, sottolinea la presidente MWIA Bettina Pfleiderer.

Sul punto interviene la lametina Caterina Ermio, presidente nazionale dell’AIDM, che nel presentare le tematiche del congresso 2018 ha spiegato come “un approccio integrato alle malattie croniche non può prescindere dalle differenze di genere. Diverso è il comportamento nei confronti dei fattori di rischio individuali, ma diversi sono anche gli effetti dei determinanti impliciti dello stato di salute sugli uomini e sulle donne”.

Tre giornate di studio, 77 tra relatrici e relatori alla presenza di oltre trecento donne medico, provenienti da tutta Italia, per le 10 sessioni durante le quali approfondire argomenti di grande attualità scientifica in cui “acquista sempre più rilevanza il riuscire ad identificare quali sono le differenze di genere nella Prevenzione, – sottolinea la presidente AIDM di Palermo, Marina Rizzo – nel decorso della malattia e nel trattamento terapeutico per ‘Guadagnare Salute’, migliorare la qualità della vita e arrivare al benessere, sia a livello individuale che sociale”.

Tema d’apertura: l’importanza del genere nella medicina personalizzata e nell’invecchiamento, le novità della farmacologia di genere e l’importanza del genere nelle Neuroscienze.

Nel corso delle numerose sessioni scientifiche saranno evidenziate le differenze di genere nello stile della comunicazione medico-paziente, nella memoria e nell’apprendimento, la leadership delle donne medico, le molestie sessuali nei luoghi di lavoro e la conciliazione lavoro-famiglia.

Sessioni specifiche affronteranno il tema delle malattie reumatiche ed osteoarticolari: la sostenibilità della loro cura, il dolore nelle sue molteplici espressioni e i principali approcci terapeutici.

Il congresso nazionale sarà anche l´occasione per presentate le innovazioni in tema di chirurgia ortopedica in un’ottica di genere.

La depressione, il Parkinson, l’epilessia e le demenze al femminile e i problemi correlati alla disabilità e alla riabilitazione le tematiche delle sessioni pomeridiane della seconda giornata.

Non sarà trascurato l’approccio di genere applicato all’oncologia, all’oculistica, alla cardiologia.

La presenza, a Palermo, di un numero elevato di donne medico, ricercatrici, scienziate sarà l’occasione per affrontare e sottolineare il delicato e quanto mani preoccupante tema della sicurezza delle donne, medico e non, sui luoghi di lavoro, nonché l’approccio medico/scientifico nell’affrontare percorsi di recupero e aiuto alle donne vittime di violenza.

Redazione