Gdf Cosenza: Sequestrata palazzina in cui vivevano 15 bengalesi in condizioni degradanti

In Cronaca On

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa della Guardia di Finanza di Cosenza sul sequestro di una palazzina dove vivevano 15 bengalesi clandestini in condizioni umani degradanti

Comunicato Stampa

 

Cento (100,00) euro mensili a persona: a tanto ammontava il canone richiesto dai locatori e pagato dagli stranieri.

Cumuli di spazzatura, stanze sporche – prive di pavimenti e di mobili, ivi compresi i letti, cucina alimentata (pericolosamente) mediante bombola a gas e con stoviglie ed accessori in pessime condizioni, bagni e docce (queste ultime poste all’esterno della palazzina) fatiscenti ed in comune: questo lo scenario che è apparso agli occhi dei Finanzieri della Compagnia di Paola, in servizio d’istituto in materia di controllo economico-finanziario del territorio e lotta alla contraffazione.

I Finanzieri hanno anche richiesto un qualificato intervento sul posto di un Ispettore dell’A.S.P. di Cosenza, il quale ha effettuato un sopralluogo confermando le “precarie” condizioni igienico-sanitarie dei locali affittati ai Bengalesi, risultati incompatibili con le “normali condizioni di vita”.

I cittadini extra-comunitari, che dormivano per terra, sono stati accompagnati presso la caserma delle Fiamme Gialle, per essere identificati compiutamente mediante rilievi foto-dattiloscopici, così individuando, all’esito delle predette attività, anche i 7 cittadini stranieri privi di titolo di soggiorno.

Complessivamente, al termine delle indagini sono stati denunciati alla Procura della Repubblica:

  • 2 soggetti locatori, per il reato di “Favoreggiamento della permanenza illegale dello straniero nello Stato”, con conseguente sequestro (ai fini della confisca) degli immobili aventi una superficie di oltre 700 mq, disposto dal G.I.P. dott.ssa Rosamaria Mesiti, su richiesta della dott.ssa Anna Chiara Fasano, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Paola, diretta del dott. Pierpaolo Bruni;
  • 5 clandestini, per il reato di “Ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato”;
  • 3 stranieri identificati e 2 ignoti fuggitivi, per i reati di “Detenzione per la vendita di prodotti industriali recanti marchi contraffatti” e “Ricettazione”, ai quali sono stati sequestrati n. 409 beni di note case di moda, recanti marchi contraffatti (fra scarpe, borse, borsellini ed occhiali da sole).

I canoni di locazione percepiti “in nero”, nel tempo saranno calcolati e sottoposti a tassazione.

Prosegue l’attività da parte della Guardia di Finanza calabrese a tutela dei cittadini, degli imprenditori, dei professionisti onesti e degli stranieri regolarmente presenti nel territorio dello Stato.

Articoli Correlati

Tiriolo. Alimenti tenuti in cattivo stato, denunciata titolare di un agriturismo

Tiriolo. Alimenti tenuti in cattivo stato, denunciata titolare di un agriturismo

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Stazione di Tiriolo, del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità e del Nucleo Ispettorato del

Read More...
Anton Giulio Grande special guest dell'Ischia Fashion Week

Anton Giulio Grande special guest dell’Ischia Fashion Week

Si è svolta la settimana scorsa la seconda edizione di Ischia Fashion Week, format televisivo di moda di grande

Read More...
Lamezia. Sequestrate 3.000 piante di marijuana coltivate in serra

Lamezia. Sequestrate 3.000 piante di marijuana coltivate in serra

Nella città di Lamezia Terme prosegue incessante l’attività di controllo economico del territorio dei baschi verdi della guardia di

Read More...

Mobile Sliding Menu