Gianturco: Il problema Rom esiste perché la politica ha interessi

In Politica On
Gianturco: Il problema Rom esiste perché la politica ha interessi

La sparatoria con morto avvenuta nel campo Rom è figlia della cattiva politica, del degrado e dell’abbandono.

Per interessi e incompetenze, i sindaci si sono sempre girati dall’altra parte ed hanno molta responsabilità. Occorre una ferma concretezza da parte dei commissari e della deputazione lametina, il problema non è più rinviabile. Scordovillo va smantellato subito!”.

A dichiararlo è l’ex consigliere comunale Mimmo Gianturco esponente di Fratelli d’Italia.

“Ciò che è accaduto nel campo rom – afferma Gianturco – è da considerarsi un fatto gravissimo. È gravissimo, infatti, che a Lamezia ci sia una zona franca dove è difficile anche il controllo da parte delle forze dell’ordine, è gravissimo che la suddetta area sia abbandonata nel degrado più totale, è gravissimo il fatto che intere generazioni rom siano cresciute in un contesto avulso dal resto della collettività e in ambienti contaminati dalla criminalità, è gravissima, inoltre, l’indifferenza di buona parte della politica, delle associazioni e dell’intera città. È gravissimo, infine, che non ci si interroghi realmente sul problema rom e sullo smantellamento della baraccopoli di Scordovillo”.
“I sindaci che si sono susseguiti negli anni – continua l’esponente di Fratelli d’Italia – hanno tantissime responsabilità. Per interessi o incompetenze, si sono sempre voltati dall’altra parte,  ignorando la problematica e rinviando la risoluzione nonostante le continue sollecitazioni da parte della città, della Procura della Repubblica e della Prefettura.
Sono purtroppo diversi gli episodi di violenza accaduti all’interno del campo ed ora lo smantellamento non è più rinviabile. A Lamezia Terme non c’e più un’amministrazione eletta dal popolo, ma c’è la presenza diretta e rigida dello Stato. Dopo i vari fallimenti delle diverse amministrazioni comunali, i commissari prefettizi, dovranno adoperarsi affinché si ripristini a Scordovillo la legalità e una maggiore vivibilità”.
“Inoltre – ricorda – finalmente, sembra si sia arrivati alla formazione del governo nazionale e la rappresentanza dei deputati eletti nel nostro territorio, appartenenti proprio si 5 stelle e alla Lega, si trova a ricoprire un ruolo importante all’interno della maggioranza parlamentare.
Tocca anche a loro, adesso, risolvere definitivamente il problema, è a loro che chiedo pubblicamente di rimboccarsi le maniche, di mettere da parte le chiacchiere da campagna elettorale e di preparare attraverso atti specifici l’intero iter politico-amministrativo che porti allo smantellamento definitivo di quella che è la più grande vergogna della Calabria. Il problema non è più procrastinabile e le soluzioni ci sono, ma la volontà e le competenze?”.

Articoli Correlati

A Squillace Innesti Contemporanei IV

Il festival di teatro e arti performative ideato da Nastro di Möbius con la direzione artistica di Saverio Tavano

Read More...
Curinga (CZ). Sequestrate circa 330 piante di cannabis, arrestato 48enne

Curinga (CZ). Sequestrate circa 330 piante di cannabis, arrestato 48enne

Nella mattinata del 18 agosto a Curinga, Carabinieri della Compagnia di Girifalco hanno tratto in arresto in flagranza di

Read More...
Motoscafo Guardia costiera

Siclari (FI): grazie alla Guardia Costiera per l’eccezionale salvataggio

Se è finita con sorrisi e non lacrime la serata di ieri è solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine

Read More...

Mobile Sliding Menu