LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Giornata della Memoria 2018, Cuda (PD): non come rito, ma per capire

2 min read
Gianluca Cuda, Segretario Provinciale Pd

Gianluca Cuda, Segretario Provinciale Pd

Giornata della Memoria 2018. La data del 27 gennaio è stata scelta dalla risoluzione 60/7 del 1° novembre 2005 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite perché proprio in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Giornata della Memoria 2018, CudaComunicato Stampa

Ricordare e ripercorrere la storia dell’atrocità dell’Olocausto in una giornata che non vuole essere il ripetersi consuetudinario di uno sterile rito, è una occasione imperdibile per innescare una riflessione ad ampio raggio sui valori, i principi, le basi si cui si fonda la nostra democrazia.
Ma anche su quale prezzo abbia dovuto pagare l’umanità a causa della crudeltà che diventa intolleranza, della violenza cieca, del razzismo e dei totalitarismi, soprattutto di questi tempi che vedono il pericoloso riemergere di certi rigurgiti nostalgici. Quanti rappresentano le istituzioni e i Partiti politici come asse portante dello Stato hanno il dovere di tramandare ogni giorno valori come la solidarietà, la tolleranza, la partecipazione, la condivisione, il rispetto, la diversità come ricchezza.
Valori intoccabili che la cultura dell’ignoranza, della prepotenza e della discriminazione elevata a cattiveria e odio incarnate dal Nazismo hanno “sospeso” negli anni oscuri della Guerra e delle leggi razziali, culminate nell’Olocausto.
C’è una zona grigia della società dove l’indifferenza per chi non viene accettato e isolato ha la meglio, aprendo il varco a nuove e pericolosissime campagne d’odio.
Sta a noi, attraverso la partecipazione democratica e all’assunzione di un’alta responsabilità civica, creare gli anticorpi al virus della violenza che avvelena la società.
Non dimenticare cosa c’era dietro quel cancello abbattuto il 27 gennaio 1945, mantenere viva la memoria per capire e respingere nuove pericolose esplosioni di intolleranza, rappresentano piccoli gesti di quotidiana e rinnovata Resistenza.

Gianluca Cuda
Segretario della Federazione provinciale del Pd di Catanzaro