Giornata nazionale per la promozione della lettura, perché leggere fa bene

In Sostiene Pereira On

Il 23 maggio è  la Giornata nazionale per la promozione della lettura.

LAMEZIA. A nove anni dalla sua nascita, siamo ancora qui a celebrare la Giornata nazionale per la promozione della lettura.

Ha ancora senso oggi parlare di lettura? Ebbene, in un mese come quello di maggio dedicato ai fiori e ai libri forse ancora qualche speranza l’abbiamo, soprattutto in un contesto storico in cui abbiamo quanto mai bisogno di sapere per non sentirci persi tra i meandri della realtà.

Secondo alcuni scudi degli anni passati, come il Rapporto sull’acquisto e la lettura dei libri diffuso dal Centro per il libro e la lettura, pare che noi italiani abbiamo uno scarso interesse sia per i libri che per la lettura. Insomma, non solo non acquistiamo i libri, ma non li leggiamo neanche eppure potremmo usufruire di biblioteche e varie altre forme di prestito che stanno sorgendo in lungo e in largo come, ad esempio, il bookcrossing.

Eppure “si dice” che leggere faccia bene, che a giovarne non sia solo la mente ma anche il corpo.

Sarà vero? Il consiglio è quello di provarci per scoprirlo!

Il blog Lifehack.org ha individuato alcuni motivi per i quali sarebbe necessario leggere. Vediamo un po’ cosa ci dicono:

  1. La mente è costantemente stimolata – Ciò consentirebbe se non di prevenire, almeno di rallentare l’incedere di malattie senili che intaccano la mente come l’Alzheimer e la demenza. La lettura è un esercizio per il cervello e ci consente di mantenerlo attivo.
  2. Addio stress – La lettura, soprattutto se è avvincente e coinvolgente, ci permette di ritagliare un’oasi di pace mettendoci al riparo dalle ansie della quotidianità, tra cui lavoro e relazioni personali.
  3. Amplia le conoscenze – Chiaramente leggendo andiamo a immagazzinare nuove informazioni che potrebbero rivelarsi ben presto utili nella nostra vita.
  4. Arricchisce il vocabolario – Non solo informazioni, ma anche parole nuove che ci daranno modo di esprimerci al meglio.
  5. Memoria sotto stimolo costante – La lettura implica uno sforzo di memoria: bisogna ricordarsi la cronologia degli avvenimenti, i personaggi, le varie dinamiche e i risvolti delle situazioni narrative.  Questo esercizio di memoria ci sarà utile sempre, anche quando non stiamo leggendo!

E poi, se anche tutto questo non bastasse, la lettura ci fornisce un divertimento gratuito e sempre a nostra disposizione. Perché rinunciarvi cedendo alla pigrizia?

Redazione

 

 

 

Articoli Correlati

Spaccio di droga dello stupro, quattro arrestati tra cui un cosentino

BOLOGNA. Più di tre litri di Ghb, il potente acido conosciuto come 'droga dello stupro', e altre sostanze stupefacenti

Read More...

Soveria Mannelli, riparte la raccolta fondi in favore della ricerca per Telethon

E’ ripartita a Soveria Mannelli la raccolta fondi in favore della ricerca per Telethon, dopo i successi ottenuti nelle

Read More...

Pensaci Giacomino: uno straordinario Leo Gullotta apre la stagione Ama Calabria

CATANZARO.  Il pubblico delle grandi occasioni ha gremito il Teatro Comunale di Catanzaro dove si è esibito il grande

Read More...

Mobile Sliding Menu