LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Il Presepe artistico nella parrocchia di San Teodoro

3 min read

dav

Da oggi e fino al prossimo 2 febbraio, solennità della Candelora, sarà possibile ammirare il presepe opera di Nicola Sposato.

Presso una delle parrocchie più antiche di Nicastro, San Teodoro Martire, nel cuore del Quartiere ai piedi del Castello Normanno – Svevo, da oggi, III domenica di Avvento In Gaudete sarà possibile ammirare il meraviglioso presepe opera dell’artista Nicola Sposato, 50 enne dipendente di una azienda di telecomunicazioni ma fin da bambino appassionato dell’arte di costruire presepi grazie agli insegnamenti ricevuti del padre.

Nicola Sposato

Questo è il terzo anno che la parrocchia guidata da don Giuseppe Critelli ospita un Presepe di Sposato, anche se quest’ultimo ha realizzato nel recente passato presepi anche per altre parrocchie lametine poichè Sposato vuole “lasciare un segno profondo, tramandare la tradizione del Presepe ai ragazzi”, quindi trasmettendo questa sua passione alle giovani generazioni, sopratutto nelle chiese dove l’usanza di fare il Presepe era venuta meno.

Per Sposato fare presepi oltre ad essere una passione è quasi una vocazione datagli dal Signore per condividerla con gli altri. Sposato oltre che l’hobby di allestire presepi fa anche restauri di statue antiche, oltre che essere un valente scultore e pittore, dando vita ai suoi capolavori in un laboratorio a casa sua a Lamezia.

la benedizione del Presepe da parte di don Giuseppe Critelli

Lo stile usato da Sposato nei suoi presepi è di Scuola Napoletana ma con una particolare attenzione anche al costume calabrese, sopratutto alla identità religiosa della fu Nicastro. Infatti molto belli e significati sono alcuni dettagli presenti nel Presepe di Sposato quali l’inserimento della immagine votiva di Sant’Antonio presso una finestra delle case, tradizione radicata nei nicastresi per devozione al Santo Pavatino, e di alcune statuine raffiguranti ecclesiastici che presiedono la processione del S.S. Sacramento, cioè dell’Ostia consacrata durante la Messa, che a detta di Sposato vuol essere un richiamo forte alla fede cristiana che trova origine e sostentamento nella Eucarestia donata ogni giorno ai cristiani nella Santa Messa.

Scena processione S.S. Sacramento
Scena Quadro votivo Sant’Antonio

 

Sposato si avvale da almeno 5 anni della collaborazione, sopratutto per ciò che riguarda l’impianto elettrico delle opere, dell’artista Vincenzo Costanzo.  Sposato si dice molto soddisfatto anche per la Lettera Apostolica di qualche settimana fa scritta da Greccio (Perugia) da papa Francesco, Admirabile Signum, nella quale il Romano Pontefice esorta i cristiani a proseguire la tradizione secolare di allestire il Presepe come fece san Francesco d’Assisi, proprio a Greccio, nel lontano 1223.

La parrocchia di San Teodoro è nota sopratutto perchè conserva l’effige della Addolorata che viene portata ogni anno in processione il Venerdì Santo.

Infine Sposato loda quei parroci che fanno allestire ancora il Presepe, sopratutto la parrocchia dello Sposato, San Giuseppe Artigiano, dove il parroco don Giuseppe Montano, così come il parroco Critelli di San Teodoro, promuove fra i ragazzi delle parrocchia la gioia di allestire il Presepe sia per la parrocchia e sia nelle loro case, assieme ai loro cari.

M.S.