Inchiesta Robin Hood: Pasqualino Ruberto ai domiciliari

In Cronaca Lamezia On

Il Tribunale del riesame di Catanzaro ha parzialmente accolto le richieste dei legali di Pasqualino Ruberto, ex presidente della Fondazione Calabria etica (difeso da Mario Murone) e Vincenzo Caserta, ex direttore generale del dipartimento Politiche sociali della Regione (difeso da Giancarlo Pittelli e Francesco Iacopino) nell’ambito dell’inchiesta Robin Hood, che ha portato nei giorni scorsi all’arresto di nove persone tra politici, imprenditori e dirigenti regionali.

Inchiesta Robin HoodL’ex assessore regionale al Lavoro Nazzareno Salerno, arrestato il 2 febbraio scorso, non ha invece prodotto istanza di riesame.
Una decisione da parte dei giudici del Riesame arrivata dopo un giorno dalla discussione degli avvocati e del procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro Giovanni Bombardieri e del pm Graziella Viscomi.
I legali dei coindagati avevano chiesto l’annullamento dell’ordinanza per difetto sia della gravità
indiziaria che delle esigenze cautelari dimostrando davanti ai giudici del Riesame, presidente Giuseppe Valea, a latere Federico Zampaoli ed Ermanna Grossi, l’infondatezza delle ipotesi accusatorie di abuso di ufficio e turbativa d’asta, cui si aggiunge per Caserta il capo di accusa per falso. E in seconda battuta avevano chiesto la sostituzione della misura cautelare in carcere con una misura meno afflittiva. Il pubblico ministero Graziella Viscomi aveva prodotto in aula ulteriore documentazione a sostegno della propria tesi accusatoria.

 

Articoli Correlati

terremoto

Terremoto: domani scuole chiuse a Rende e Cosenza

Domani le scuole di ogni ordine e grado a Rende ed a Cosenza resteranno chiuse (altro…)

Read More...
eugenio guarascio

Coronavirus. Guarascio: dal sindaco di Lamezia silenzio inopportuno

In queste ore di particolare preoccupazione ed emergenza nel nostro Paese, mentre tutti in sindaci della Calabria intervengono e

Read More...

Contagio da Coronavirus, il decalogo aggiornato del ministero e dell’Istituto superiore di sanità

Cosa fare in caso di dubbi nel nuovo scenario epidemico italiano? Non recarti al pronto soccorso: chiama il tuo medico

Read More...

Mobile Sliding Menu