LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Innocenza Giannuzzi: “Lo Stato ha dimenticato la Calabria!”

2 min read

“Nel resto del mondo si vaccina h24, sono stati ideati i “passaporti vaccinali” per consentire al turismo e all’economia di ripartire. E da noi?” afferma Innocenza Giannuzzi (vice presidente Confartigianato Imprese Catanzaro)

Il Caos, per la mitologia greca, era una divinità. Era capace di generare, era costituito da un insieme di disordine, di disarmonia, come si legge nella “Teogonia” di Esiodo. Da lui nacquero diverse divinità e la Terra, che divenne poi la Madre di ogni cosa, dunque il Cosmo, l’Ordine, l’Equilibrio. Nulla a che vedere, insomma, con il caos che stiamo vivendo in Calabria!

Questo è capace di generare solo rabbia. Dove sono il piano pandemico e il piano vaccinale? Completamente dimenticati, così come la nostra regione, ancora sul gradino più basso tra quelle italiane per quanto concerne le inoculazioni dei vaccini, subito prima della Sardegna, che però è zona bianca. Gli ospedali sono al collasso, ogni giorno si accumulano pazienti affetti da Covid-19, i posti in terapia intensiva sono saturi e tanti non sono stati attivati, mentre il personale è ridotto all’osso.

Che si aspetta per procedere con nuove assunzioni? Nel resto del mondo si vaccina h24, sono stati ideati i “passaporti vaccinali” per consentire al turismo e all’economia di ripartire. E da noi?

Rincorriamo le somministrazioni tra nomi scritti sui fogli e megafoni che annunciano le fine delle dosi, con tanti calabresi fermi ad aspettare il proprio turno. Quando terminerà questo caos? Quando qualcuno accetterà il fatto che è finito il tempo dei proclami e finalmente passerà dalle parole ad i fatti? E, soprattutto, dov’è finito il campo militare di cui si è tanto parlato e che si sarebbe dovuto rivelare un supporto importantissimo per la nostra regione?

Visto che si parla tanto di Unità d’Italia, bisognerebbe ricordarsi anche che il più forte dovrebbe aiutare il più debole. Ma “dovrebbe”, appunto. Sin dall’inizio, la Calabria andava tutelata, con la consapevolezza dello stato in cui versa la sanità della nostra regione, invece nulla è stato fatto per salvare questa terra già storicamente in ginocchio.

Il tessuto imprenditoriale si sta impoverendo giorno per giorno, la luce della speranza si sta affievolendo e, con essa, anche i sacrifici di una vita. Le attività sportive sono chiuse ormai da oltre un anno e, per beghe politiche, tutti gli operatori sono senza sostegni economici ormai da mesi. Eppure siamo quasi 2 milioni di abitanti: saremmo potuti essere una regione bianca, se la pianificazione delle attività fosse stata realmente realizzata. Ma forse in questo disordine esiste un ordine segreto che, ad oggi, non vediamo, osserviamo solo la disperazione economica, inermi, di fronte a uno Stato che ha dimenticato la Calabria, come ha affermato il dott. Eugenio Corcioni, presidente dell’Ordine dei Medici.