Istituto Don Milani di Lamezia in missione speciale nell’Atlantico a bordo della Celtic Explorer

In Scuola, Ultime notizie On
- Updated
missione speciale per l'isituto don milani-LameziaTermeit

Cosa ci può fare una sirena di nome Ligea su una nave da ricerca nel Nord Atlantico? Bohhh? …direte voi!!!

Comunicato stampa:

E invece la risposta è più semplice di quanto pensiate: “Ligea” è il nome che i bambini delle classi quinte della scuola primaria di San Teodoro, nel centro storico di Lamezia Terme, hanno dato ad un sismometro posizionato alle ore 3.00 del 28 settembre a 4000 mt di profondità nell’Oceano Atlantico nel punto più a nord dell’Irlanda e che registrerà per 18 mesi le minuscole vibrazioni della Terra causate dalle onde sismiche, generate dai terremoti e dalle onde oceaniche.

La missione di ricerca in mare aperto SEA-SEIS partita il 18 settembre, attualmente a bordo del Celtic Explorer che utilizza sismometri nell’Atlantico come parte di un ambizioso progetto di mappatura della terra sotto le acque atlantiche dell’Irlanda, ha iniziato a coinvolgere scuole in Irlanda e nel mondo con l’obiettivo di promuovere consapevolezza e apprezzamento per la scienza e la ricerca nei giovani.

A questa selezione hanno partecipato i piccoli alunni dell’Istituto Don Milani, diretto dal prof. F. Vinci, proponendo, per uno dei 18 sismometri, un nome mitologico legato alla leggenda della sirena Ligea che con il suo canto, insieme alle sue sorelle Leucosia e Partenope, voleva ammaliare Ulisse nel suo viaggio di ritorno dalla guerra di Troia. Purtroppo Ligea morì spiaggiata sul litorale dell’antica città di Terina e di lei rimase traccia nelle bellissime monete coniate tra i il VI e il V sec. a.C.

Un’opportunità fantastica ed unica, quindi, per i bambini, che, insieme alle maestre referenti Costanzo Giulia e Costanzo Felicia, hanno aderito al Progetto e seguono, giorno per giorno, il percorso della Celtic Explorer comunicando anche via web con i ricercatori, rivolgendo domande in inglese e inviando i loro elaborati (racconti, disegni, cartelloni).

Il team SEA-SEIS si è collegato il 26 settembre tramite video link con le aule della scuola primaria Don Milani ed i dottori Raffaele Bonadio e Laura Bérdi, ricercatori dell’Istituto di Studi Avanzati di Dublino, hanno risposto alle domande degli studenti condividendo alcune delle loro esperienze sul come si può fare scienza in mare e più in generale sulla vita a bordo di una nave da ricerca nell’Atlantico.

Un’avventura in mare aperto che durerà ancora fino a metà ottobre e che impegnerà ancora i bambini nello studio di vulcani, terremoti e movimenti sismici ma soprattutto rimarrà nei loro occhi stupiti per lungo tempo!

Articoli Correlati

Catanzaro. Auto incendiate nella notte, diversi interventi dei vigili del fuoco

Squadre dei vigili del fuoco del Comando di Catanzaro sono state impegnate questa notte per incendio autovetture in provincia.

Read More...

Crotone, muore un giovane che andava a fare lo scrutatore

CROTONE. Squadra dei vigili del fuoco del Comando di Crotone, sede Centrale è intervenuta questa mattina in via Nazioni

Read More...

Violenza sessuale su minori: l’insegnante lametino nega ogni accusa

LAMEZIA. Nega ogni accusa l’insegnante di religione arrestato per violenza sessuale ai danni delle sue piccole alunne della scuola

Read More...

Mobile Sliding Menu