LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Inchiesta “Jonny”, Nesci (M5S): la dichiarazione del Mons. Bertolone fa riflettere

2 min read
Logo M5S - LameziaTermeit
Errore, nessun ID annuncio impostato! Controlla la tua sintassi!

La posizione netta del Presidente della Conferenza episcopale calabrese sui rapporti tra Chiesa e ‘ndrangheta deve indurre la politica a riflettere.

Comunicato stampa

Logo M5S - LameziaTermeit«Apprezzo molto la posizione, conseguente all’inchiesta “Jonny”, di monsignor Vincenzo Bertolone, presidente della Conferenza episcopale calabrese, per cui tra Chiesa e ‘ndrangheta e non deve esserci possibilità di equivocare, ma al contrario netta e radicale antitesi».

Lo afferma, in una nota, la deputata M5s Dalila Nesci, che aggiunge: «A prescindere dal credo di ciascuno, il messaggio dell’arcivescovo fa riflettere la politica, spesso debole e rassegnata, a volte collusa e perfino diretta da cupole mafiose. Prezioso il riferimento del religioso al Vangelo come baluardo contro la penetrazione di interessi criminali, come guida cristiana e sorgente morale, come eredità distintiva e simbolo di valori che non si possono tradire».

«Altro spunto di profonda riflessione – prosegue la parlamentare 5stelle – è il riferimento di monsignor Bertolone alla figura profetica di padre Pino Puglisi, morto per difendere lo spirito di giustizia cristiano, proprio come l’arcivescovo Óscar Arnulfo Romero, don Peppe Diana e altri sacerdoti coraggiosi, che, al contrario di uomini della Chiesa calabrese, non si sono mai piegati alla violenza criminale».

«La guerra alla ‘ndrangheta – conclude Nesci – condotta dal procuratore Gratteri e dai suoi collaboratori sta determinando anche significative reazioni civili e religiose, di cui in Calabria c’è bisogno come il pane.

Ogni giorno la magistratura fornisce risultati ed esempi nell’intera regione. Tuttavia, ciascuno di noi è chiamato a fornire un contributo, non solo politico in senso stretto, per sconfiggere la diffusa cultura mafiosa, fatta di opportunismo, ambiguità, riverenze, atteggiamenti istituzionali morbidi o, peggio, silenzi inaccettabili». peggio, silenzi inaccettabili».

Click to Hide Advanced Floating Content