LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

La crisi non va in vacanza, sit-in di Fratelli d’Italia a Rossano

2 min read
La crisi non va in vacanza, sit-in di Fratelli d'Italia a Rossano

Riceviamo e pubblichiamo la lettera con la quale Fratelli d’Italia informa il Commissariato e il sindaco di Corigliano Rossano di aver organizzato un sit-in di protesta sulla crisi delle aziende

Di seguito la lettera:

Commissariato di P.S. Corigliano Rossano
Al Sig. Sindaco
Comune di Corigliano Rossano
Alle Rappresentanze Sindacali

Fratelli d’italia ha inteso organizzare per giorno 6 agosto p.v. ore 11.00 una manifestazione davanti il sito della centrale ENEL di contrada Cutura.

PERCHE’ MANIFESTIAMO

Per ricordare a Di Maio e al governo gialloverde che “la crisi” delle imprese italiane “non va in vacanza” Fratelli d’Italia scende in piazza contemporaneamente in tutta Italia per una serie di manifestazioni – flash mob – davanti ai siti produttivi di aziende in crisi.
E’ istituito un “tavolo di crisi” nazionale presso il Ministero dello Sviluppo Economico: ne esistono quasi duecento, con quasi trecentomila lavoratori a rischio e quasi seicentomila nell’indotto.
È questo il cuore della crisi industriale che il Ministero non riesce a gestire. Ma la maggior parte di questi 200 tavoli, che riguardano aziende medio-grandi, a oggi non sono neanche mai stati riuniti dal dicastero di Luigi Di Maio. Il Ministero al massimo ha predisposto la proroga della “cassa integrazione” in attesa di “accompagnare” i lavoratori verso il “reddito di cittadinanza”.
Per Fratelli d’Italia però non servono politiche passive di accompagnamento verso il reddito di cittadinanza ma politiche attive di
impresa per prevenire e salvaguardare il tessuto produttivo.
Bisogna strutturare un sistema che incentivi la reindustrializzazione, preservando il tessuto imprenditoriale.

LE PROPOSTE DI FRATELLI D’ITALIA

  • Commissariamo Di Maio, incapace di gestire le crisi industriali perché non ha alcuna visione e politica di impresa;
  • I tavoli devono essere integrati con chi conosce davvero le imprese e il territorio: 4 parlamentari del territorio (due maggioranza, due di opposizione), come lo stesso Di Maio aveva annunciato ad inizio di legislatura in Parlamento e mai realizzato; i rappresentanti delle Associazioni di impresa con i rappresentanti dei sindacati, di Regioni ed enti locali; i rappresentanti di CDP e Invitalia, che possono essere elementi di una diversa politica industriale non occasionale ma progettuale;
  • Creazione del “Pronto Soccorso Aziendale”: va istituita una nuova Struttura Crisi di Impresa: coordinamento stabile tra Mise, Regione, Associazioni di impresa e Sindacati non solo per gestire le emergenze ma per prevenire le crisi, utilizzando appieno i fondi europei e gli altri strumenti finanziari di cui spesso gli attori, anche pubblici, non sono a conoscenza. Questo consentirebbe di arrivare in tempo, prima che i danni aziendali e occupazionali diventino irrecuperabili.