LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

La medicina lametina

2 min read
medicina

C’è un repertorio paremiologico così vasto da costituire, si fa per dire, un Corpo ippocratico sapienziale: «la pancia troppo piena a brutti sogni mena», «invece di diete strambe, muovete meno i denti e più le gambe», «nobile è la ruta, perché rende la vista acuta», «la malva da ogni malattia salva», «grassi e fritture, coliche sicure», «vita quieta, mente lieta, moderata dieta», «di mattina l’aria fresca tien la vita sana e lesta», «se vuoi vivere sanamente, vivi sobrio e allegramente», «una mela al giorno leva il medico di torno», «per aver la mente sana, radice di valeriana», «acqua di gelsomini è buona per i bambini».

E noi lametini!?

Beh, non siamo da meno con le pillole della nostra medicina: qualche rimedio della nonna c’è, eccome! Bypasso la sfiducia scientifica che limito a due detti popolari («di mìadici e midicini arrassu sia»,«’nzina cà ‘u mìadicu studìa, ‘u malatu si ndi và») per evidenziare un’anamnesi di riferimento generale su piccoli dati sensibili: «teni llu culùri da zafarana» («ha un brutto colorito simile allo zafferano»), «è giàlinu cumu nu limùni»,«è jàncu e russu cumu nu pumu rumanìallu» («è bianco e rosso come un pomo romanello»), «è sanizzu cumu nu citru» («è sano come un cedro»), «anda e cadi» («per dire di uno che non si regge sulle gambe»), «pari nnu sìricu musciu» (sembra un sirico, baco da seta).

Si sottolinea, contestualmente, la cura ambientale come rinforzo delle proprie difese immunitarie: «a chilla casa nduvi ‘un trasi llu suli, cci trasi llu mìadicu e llu cumpissùri» («in quella casa dove non entra un raggio di sole sopraggiungono prete e medico»), senza esagerare con gli sforzi fisici («sa ‘a fatìga era bona l’ordinava llu mìadicu»), della serie: «chi si gurdau si sarvàu». In tutto questo bando alla malinconia, poi: «u ridìri fa beni alla salùti», quanta verità!

Ed infine rammentarsi che «l’ugna fa rugna» («non toccare le ferite con le unghie, perché potrebbe portare infezione»), «l’acqua fa mali e llu vinu fa cantàri», «ppi llu catàrru vinu ccu llu carru» («per il raffreddore si abbondi con il vino»), «quandu ‘a vita sta bòna ‘u culu ntròna» e chissà quanti altri suggerimenti potreste porre in appendice, miei cari facelettori!

Il segreto della longevità, per concludere!? «Fhàtti affari tùa e campa cìantu anni», ahahah!

Ringraziando Rosetta Mascaro per le preziose informazioni fornitemi.

Prof. Francesco Polopoli