LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia bene comune sta con Callipo. Bene sue prese di posizione sulle liste

3 min read
pippo callipo

Nelle prossime settimane incontri con i candidati al consiglio regionale

Comunicato Stampa

Di fronte alla situazione della nostra regione, con emergenze all’ordine del giorno che vedono la Calabria agli ultimi posti in tutte le classifiche delle regioni italiane, dall’occupazione giovanile alla qualità dei servizi pubblici, il movimento “Lamezia bene comune”, al termine di un’ampia e articolata discussione al suo interno, ha ritenuto opportuno esprimere la propria posizione in vista delle prossime elezioni regionali. A larghissima maggioranza, dopo un approfondito confronto interno, il movimento ha deciso di sostenere la candidatura di Pippo Callipo alla presidenza della regione. Una parte del movimento, minoritaria, si è espressa a favore del progetto di Carlo Tansi. Il confronto più ampio possibile di fronte alle scelte da attuare è la cifra del nostro modo di fare politica  e  la pluralità delle opinioni rappresenta una ricchezza per tutto il movimento.

Si è valutata innanzitutto positivamente l’indicazione di un uomo che,  per le sue pregresse esperienze politiche, certamente non è un personaggio calato dall’alto ma conosce bene le dinamiche in atto da anni in questa Regione. Callipo ha fatto del suo impegno imprenditoriale una risorsa per l’intera Calabria e, nel momento in cui in passato ha rappresentato gli industriali, ha immediatamente cercato un rapporto ed una collaborazione con le organizzazioni sindacali dei lavoratori per tentare, insieme, di uscire dalle difficoltà in cui viveva la Regione. Quindi una persona che ha compreso che non  un uomo solo ma la collaborazione di più fattori sociali e di più persone è il modo giusto per fare dei passi in avanti: questo è sicuramente un altro elemento di condivisione con Callipo che vogliamo sottolineare. Ovviamente ci lega fortemente a Callipo anche la lotta contro la  mafia ed il sottogoverno: non è per favore ma per diritto che i Calabresi debbono pretendere una qualità della vita migliore e più giusta.

Come movimento abbiamo apprezzato le ferme prese di posizione di Callipo sui criteri “etici” della composizione delle liste a suo sostegno, tenendo fuori sia tanti “impresentabili” sia tanti “portatori di voti” della politica calabrese che in tanti anni di permanenza nel consiglio regionale non si sono distinti per i risultati ottenuti a favore dei cittadini della nostra regione. E’ un primo passo. Ci auguriamo ce ne siano tanti altri per un rinnovamento radicale del centrosinistra calabrese, che non  può più attendere. Dall’altra parte troviamo un imbarazzante centrodestra in cui, come vediamo anche tra alcuni candidati lametini, assistiamo al triste spettacolo dei trasformismi e delle transumanze da sinistra a destra. Ci chiediamo: cosa diranno  ai cittadini lametini alcuni candidati della nostra città che oggi si presentano  a sostegno della Santelli e fino all’altro giorno erano con Oliverio e il centrosinistra? E cosa diranno ai cittadini alcuni consiglieri comunali della maggioranza di Mascaro che adesso sono nella stessa coalizione con partiti di centrodestra che fino a due mesi fa erano con Pegna?

La nostra posizione vuole essere incalzante e costruttiva. A Callipo chiediamo impegni concreti su questioni decisive per il presente e il futuro della nostra regione. A cominciare dalla sanità: per l’ospedale di Lamezia e per la sanità calabrese non chiediamo sogni o progetti inattuabili, ma la “normalità”, una sanità “pubblica”  che funzioni e garantisca ai cittadini calabresi gli stessi diritti e servizi dei cittadini delle altre regioni italiane.  Chiediamo un serio impegno nella lotta al dissesto idrogeologico,  per prevenire le emergenze che hanno colpito recentemente anche il nostro territorio del lametino e valorizzare l’ambiente come patrimonio della Calabria.   Chiediamo di sbloccare i grandi progetti strategici per Lamezia, in primis l’aerostazione e il collegamento multimodale tra l’aeroporto di Lamezia e Catanzaro Lido. Su questi temi non è più tempo di annunci, come troppi ce ne  sono stati negli ultimi cinque anni. Ci auguriamo che queste siano le ultime elezioni regionali in cui i cittadini calabresi, forse gli unici in tutta Italia, non potranno esprimere la doppia preferenze di genere: anche su questo chiediamo a Callipo una decisa presa di posizione, come stanno sollecitando da anni diverse associazioni di donne e non solo in Calabria.

Nelle prossime settimane, inviteremo nella nostra sede alcuni candidati al consiglio regionale dell’area centrale della Calabria. Come abbiamo fatto per le elezioni comunali, ci confronteremo sui temi concreti,  mettendo al centro delle prossime elezioni regionali non i nomi o le carriere politiche dei singoli, ma le idee e i programmi per migliorare le condizioni di vita dei cittadini calabresi.

Movimento Lamezia Bene Comune