LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Lamezia. Centro protesi Inail: associazioni contro il trasferimento del personale sanitario

2 min read
Centro Protesi INAIL

Centro Protesi INAIL

Non abbiamo mai esitato a dar atto alla terna commissariale dell’ASP di Catanzaro di essere stata finora l’unica Direzione Generale a capire e a tentare di valorizzare il ruolo centrale e fondamentale che l’Ospedale di Lamezia svolge nell’ambito dell’ASP sotto ogni profilo, sia quello dell’assistenza ospedaliera, sia quello della medicina territoriale, sia quello amministrativo

Comunicato Stampa

Allo stesso modo non abbiamo mai esitato a denunciarne sottovalutazioni, errori gestionali ed acritiche chiusure.

E’ questo il caso delle ultime disposizioni con cui parte del personale infermieristico e OSS è stato trasferito da alcuni reparti ospedalieri di degenza al Centro Protesi e Riabilitazione ASP/INAIL di San Pietro Lametino con modi e metodi che appaiono insensati e privi di raziocinio.

Nonostante le criticità legate alla pandemia e per di più in piena estate, quando le turnazioni per ferie erano già state programmate, si vanno infatti spogliando e mettendo in gravi difficoltà organizzative alcuni Santi, cioè reparti nodali e in crescita, per una mera operazione burocratica di “vestizione” di un altro Santo, ovvero un servizio attualmente non operativo e dotato di un amplissimo organico.

Fa da pendant la sottovalutazione dei problemi del Pronto Soccorso, che con pochi medici di fatto operanti e con la carenza anche di infermieri vive da tempo in una condizione di estremo disagio, con grave nocumento per l’utenza.

Per superare lo stato di abbandono in cui si trova da decenni la sanità lametina (quale riflesso di quella regionale) ci sarebbe stato, invece, bisogno di una ricognizione del personale, specie infermieristico e OSS, finalizzata all’ottimizzazione delle risorse umane da destinare a quei reparti che soccombono sotto il peso delle improrogabili risposte da dare giornalmente alla cura delle patologie ed alla sofferenza dei malati, con il rischio sempre più incombente che pazienti e parenti esasperati vengano avviluppati dalla rete delle purtroppo facili e ricorrenti denunce per mala sanità.

A tutto questo fa da pendant uno stato di sostanziale abbandono della medicina territoriale, che avrebbe richiesto un serio intervento finalizzato a creare condizioni favorevoli per quella continuità assistenziale sul territorio, al momento assolutamente carente.

E’ vero che la terna commissariale è ormai a fine mandato, ma non è mai troppo tardi per rivolgerle l’invito a non essere refrattaria al confronto e soprattutto a fare finalmente e personalmente, insieme ai loro dirigenti di area placidamente accomodati nelle sedi di comando, una ricognizione dello stato e dei bisogni di reparti e servizi per rendersi conto de visu delle necessità e delle difficoltà che si affrontano per gestire con numeri di personale esigui le tante, complesse e variegate esigenze cliniche che giornalmente si prospettano nei reparti.

Comitato Salviamo la Sanita’ del Lametino
Comitato Malati Cronici
Cittadinanzattiva – Tribunale del Malato
Associazione Senza Nodi
Osservatorio Sociale San Nicola

Click to Hide Advanced Floating Content