LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia, Chirumbolo: “Un sistema turistico locale per valorizzare la città”

3 min read

LAMEZIA. Un sistema turistico locale per mettere in rete e valorizzare il patrimonio naturalistico e artistico della città di Lamezia. La proposta arriva da Armando Chirumbolo, ex consigliere comunale, ed attuale presidente dell’associazione Viva Lamezia.

 

Armando Chirumbolo
Armando Chirumbolo

Di seguito la nota stampa: “La stagione estiva è alle porte e non finirò mai di riproporre un argomento che meriterebbe molta più attenzione e risposte concrete: il turismo a Lamezia. Partiamo dallo stato di salute del mare lametino, che a giorni si presenta cristallino ed altri non proprio trasparente. Da oltre un decennio ci siamo rassegnati e non poter più usufruire di questa importante risorsa per come in passato, e, conseguentemente, i cittadini ed i turisti, sono costretti a migrare in altri lidi per poter fare un bagno, con conseguenze devastanti per la già fragile economia turistica del nostro comprensorio. Chiarito questo punto dal quale non si può prescindere, dato che la Calabria, in estate, è soprattutto mare, oggi siamo chiamati a porci una domanda molto importante: Lamezia diventerà mai una città turistica? La risposta viene da sè. Urge un piano del turismo che avvii un percorso virtuoso di programmazione ultradecennale con il quale creare nuove e reali opportunità di sviluppo economico per il nostro territorio. Quello della vocazione turistica del lametino, è un argomento che non deve essere trascurato da chi è chiamato ad occuparsi dello sviluppo sociale ed economico della nostra città. Infatti, i dati parlano chiaro, oggi in Italia il turismo dà lavoro a due milioni e mezzo di persone (di cui un milione solo in alberghi e pubblici servizi), e contribuisce al prodotto interno lordo nazionale per 155,5 miliardi di euro, pari al 9,7 % del totale. Secondo i principali osservatori, il turismo e destinato a divenire il primo settore dell’economia mondiale. Si stima che, entro pochi anni, un lavoratore su cinque sarà occupato nel turismo o nell’indotto. Ciò significa che la capacità di sviluppo dei nostri sistemi locali dipenderà in misura crescente dalla loro capacità di intercettare la domanda turistica e i flussi dei visitatori, nazionali e internazionali. Sappiamo tutti che Lamezia Terme ha in sè molteplici potenzialità inespresse, che attraverso un sapiente lavoro di valorizzazione potrebbero rappresentare la principale opportunità di sviluppo, ricchezza e benessere per la comunità. Lamezia ha una posizione privilegiata, con una conformazione territoriale che abbraccia in pochi chilometri la zona costiera, la lussureggiante pianura, l’area collinare e i promontori. Unitamente a queste caratteristiche morfologiche di pregio, insistono sul territorio risorse naturalmente destinate ad essere impiegate nel turismo, quali le terme, il parco Mitoio e la zona montuosa del Reventino.

A queste tre importanti attrattive, luna vicina alle altre, deve aggiungersi una piana lussureggiante che, dipartendo dalle terme, attraverso la zona di San Sidero, va degradando verso la costa, e racchiude in se gioielli paesaggistici e storici, quali i secolari uliveti, la riscoperta necropoli magno-greca di San Sidero, il vecchio borgo di Sant’Eufemia Vetere, l’insediamento magno greco di Terina, l’abbazia Benedettina, il Bastione dei Cavalieri di Malta, sino ad arrivare appunto sulla costa. Questo scorcio di territorio incontaminato, ricco di storia e, in gran parte, preservato dalla mano deturpante dell’uomo, rappresenta un reale punto di forza del nostro territorio. Per non parlare, poi, dei centri storici di Nicastro e Sambiase, con il castello di Federico II

ed i palazzi di pregio, che, se resi maggiormente fruibili, quali luoghi per lo svolgimento di manifestazioni di intrattenimento, per lo sviluppo di botteghe artigiane, ristoranti e luoghi di ritrovo e di produzione culturale di qualità, potrebbero, davvero, diventare motivo di attrazione per i visitatori, che incomincerebbero a fermarsi sul nostro territorio per soggiornarvi. Considerato, quindi, quanto noi tutti conosciamo bene, mi domando, perché Lamezia non può ambire a diventare una città turistica? Perciò ritengo, che si debba intervenire affinché, – la città in futuro venga riprogrammata per ospitare un turismo di qualità che può essere incentivato creando a livello comunale un Sistema Turistico locale basato sulla valorizzazione delle proprie risorse, sull’ospitalità di eccellenza ed una adeguata promozione. Viva Lamezia a breve organizzerà iniziativa sull’argomento”.