Lamezia. Confiscati beni a imprenditore lametino evasore fiscale

In Cronaca Lamezia, Ultime notizie On
- Updated

Il soggetto è considerato evasore fiscale “socialmente pericoloso”

Comunicato stampa:

Il gruppo della Guardia di finanza di Lamezia Terme, appositamente delegato da quest’ufficio di Procura, ha appena dato esecuzione al sequestro ed alla contestuale confisca di beni mobili, immobili e quote societarie riconducibili ad un noto imprenditore del lametino, Michele Rutigliano, di anni 61, accumulati nel tempo con i proventi derivanti soprattutto, tra l’altro, da evasione fiscale ed attività illecite assimilate.

Il provvedimento giudiziario, adottato ex d.lgs. 159/2011, è stato emesso dal tribunale di Catanzaro – sezione seconda penale, su conforme richiesta di questa Procura della Repubblica, sulla base delle informative del Gruppo della Guardia di finanza di Lamezia Terme.

La confisca del patrimonio dell’imprenditore rappresenta l’esito delle indagini di polizia economico–finanziaria, istituzionalmente svolte dalle “Fiamme Gialle”, volte all’individuazione e all’aggressione dei patrimoni conseguiti da chiunque si arricchisca a mezzo di attività illecite di qualsivoglia natura. I mirati accertamenti patrimoniali e reddituali dei finanzieri, condivisi da questa Procura e dal tribunale di Catanzaro, sono infatti riusciti a dimostrare che i beni confiscati hanno un valore economico del tutto sproporzionato ed ingiustificato rispetto ai redditi leciti dichiarati nel tempo dall’imprenditore indagato.

Ciò ha consentito alla Guardia di finanza di Lamezia Terme di delineare un solido quadro indiziario, indispensabile per disporre il sequestro e la contestuale confisca del patrimonio rivelatosi di origine illecita o ingiustificato nel legittimo possesso, per una sproporzione accertata di oltre 2.300.000 euro. Come dimostrato dagli accertamenti esperiti dalle “Fiamme Gialle”, infatti, per nascondere la reale disponibilità dei beni sottoposti a misura ablatoria l’imprenditore si avvaleva anche di tre familiari “prestanome”.

L’odierna attività risulta di particolare spessore investigativo in quanto eseguita nei confronti di soggetto c.d. evasore fiscale socialmente pericoloso, e risulta essere la prima della specie di tali proporzioni operata da questo ufficio di Procura. In esito al provvedimento reale in questione sono stati quindi appena confiscati numerosi immobili, soprattutto terreni e fabbricati commerciali, oltre che quote societarie, beni mobili e veicoli vari, per un valore che supera il milione di euro, atteso che il prevenuto non risulta attualmente disporre di altri beni in grado di soddisfare pienamente la cautela reale disposta dalla magistratura.

Articoli Correlati

Tiriolo. Alimenti tenuti in cattivo stato, denunciata titolare di un agriturismo

Tiriolo. Alimenti tenuti in cattivo stato, denunciata titolare di un agriturismo

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Stazione di Tiriolo, del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità e del Nucleo Ispettorato del

Read More...
Anton Giulio Grande special guest dell'Ischia Fashion Week

Anton Giulio Grande special guest dell’Ischia Fashion Week

Si è svolta la settimana scorsa la seconda edizione di Ischia Fashion Week, format televisivo di moda di grande

Read More...
Lamezia. Sequestrate 3.000 piante di marijuana coltivate in serra

Lamezia. Sequestrate 3.000 piante di marijuana coltivate in serra

Nella città di Lamezia Terme prosegue incessante l’attività di controllo economico del territorio dei baschi verdi della guardia di

Read More...

Mobile Sliding Menu