LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Lamezia. Costanza Falvo D’Urso nuova presidente dell’Uniter

3 min read
Lamezia. Costanza Falvo D’Urso nuova presidente dell’Uniter

La professoressa Costanza Falvo D’Urso è stata nominata presidente dell’Uniter di Lamezia Terme proprio nella ricorrenza del compimento del 30° anniversario della sua fondazione

La professoressa succede ad Italo Leone che ha guidato l’associazione per ben 14 anni consecutivi con encomiabile impegno, abnegazione, senso di responsabiltà.

«Non lascio l’Uniter, ma continuerò a fare quello che ho sempre fatto» ha dichiarato Italo Leone illustrando tutto il percorso della sua attività svolta in tanti anni di presidenza caratterizzato da una costante crescita e da innovazioni che hanno letteralmente   rinnovato la fisionomia dell’Uniter in termini culturali, sociali, relazionali e numerici.

Particolarmente incisivo è stato l’ingresso di un gruppo di giovani capaci di dare un cospicuo contributo e nel contempo di assicurare in futuro il ricambio delle cariche nel rispetto della democraticità su cui si basa il sodalizio.

«Ho pensato – ha continuato Italo Leone – di mantenere vivo nel tempo  un organismo che deve andare avanti autonomamente senza dipendere esclusicavemente da una sola persona cosi come volevano i fondatori dell’Uniter e quindi assicurarne la continuità».

«L’Uniter è una esperienza da condividere con entusiasmo perché sostanziata da tanti ingredienti: si respira cultura, arte, musica, filosofia, storia, letteratura, scienza, matematica, medicina e tanto altro e si trascorrono momenti all’insegna dell’amicizia e della vitalità per sentirsi ancora utili ed  efficienti» ha affermato le neopresidente Costanza Falvo D’urso illustrando i motivi che tempo fa la incoraggiarono a far parte dell’Uniter.

«In pensione da qualche mese, – ha proseguito la neopresidente – sentivo il bisogno di continuare a comunicare, a parlare con gli altri, ad ascoltare gli altri, insomma mi mancava la scuola e l’Uniter rappresentò la sponda a cui attaccarmi per star meglio».

Il linea con il pastpresidente Leone, anche la neopresidente Falvo D’Urso, che per diversi anni ha rivestito il ruolo di vicepresidente, ha avvertito il bisogno di ribadire la necessità  di prepararsi al ricambio della sua presidenza.

«Questa avventura, che inizia oggi, non può essere e non deve essere solo mia, ci vuole una squadra coesa e unita, affiatata e motivata che assicuri nel tempo, senza alcuna interruzione, il proseguimento della nostra associazione, ci vuole un gruppo di lavoro che assicuri all’Uniter una crescente immagine di affidabilità e autorevolezza da spendere nel panorama culturale di Lamezia Terme e del suo territorio in conformità alle istanze e sollecitazioni che vengono da una società in continua evoluzione. Questo mio convincimento sul ruolo  importante, raggiunto dall’Uniter, mi procura una fondata apprensione perché, accettando la carica di presidente, sento di assumermi una grande responsabilità nell’immediatezza e in futuro».

Pertanto la neopresidente spera di lavorare in armonia con i Dipartimenti per quanto riguarda gli incontri culturali, i componenti del Direttivo che con le loro idee e i loro suggerimenti forniscono spunti interessanti per la realizzazione di iniziative mirate all’aumento del senso di comunità, alla conoscenza e allo sviluppo di nuove relazioni tra i soci, con il presidente onorario, il tesoriere, il segretario e il revisore dei conti.

E infine, rinsaldati i valori di lealtà e amicizia, sarà possibile – per la neopresidente – affrontare le sfide culturali e le iniziative di confronto e approfondimento che sono il fondamentale obiettivo dell’Uniter.

Il tesoriere Franco Bertucci ai soci presenti ha ricordato che durante la sua presidenza del Lions Club di Lamezia Terme, dietro suggerimento del professore Baldoni dell’Università Cattolica di Milano, il 7 luglio 1989 fu fondata l’associazione con scopi esclusivamente di promozione culturale e sociale.

Superate le iniziali difficoltà organizzative, si vissero gli anni delle meritorie presidenze di Gigi Vatalaro (primo presidente) ed Eugenio Leone con i quali l’Uniter si è affermata come riferimento della società lametina.

«A distanza di 30 anni ha concluso Franco Bertucci – le attività dell’Uniter sono diventate un fiore all’occhiello dell’associazionismo regionale rappresentando un sicuro punto di riferimento per le esigenze culturali di chiunque voglia accostarsi alla conoscenza in maniera libera e indipendente».

Lina Latelli Nucifero

Click to Hide Advanced Floating Content