LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia. De Biase: silenzio inquietante sul Parco Provinciale di Savutano

3 min read

Attestiamo un silenzio inquietante sulla vendita diretta dei beni immobili da parte della Provincia di Catanzaro, parte del cui ricavato (un milione e 200 mila euro) dovrebbe essere destinato per realizzare il Parco di Savutano a Lamezia Terme

Comunicato Stampa

L’amministrazione provinciale non fornisce lumi sullo stato dell’arte della vendita dei beni che si inserisce in una vicenda che ha assunto connotati grotteschi, inverosimili e per certi versi esilaranti. Cosa ne pensano il sindaco Mascaro e l’amministrazione cittadina sul silenzio della Provincia in merito alla realizzazione di un’importante infrastruttura che ricade nel perimetro comunale?”.

E’ l’intervento di Salvatore De Biase, già presidente del consiglio comunale di Lamezia Terme.

“Da quando – osserva De Biase – il Sindaco Sergio Abramo è stato eletto Presidente della Provincia di Catanzaro, ogni azione riguardante l’area lametina, porta il suo verbo solenne: ‘Piena collaborazione con il Sindaco Paolo Mascaro; grande amicizia personale e stima politica verso il primo cittadino di Lamezia; investimenti certi per l’area centrale della Calabria, che si dovrà caratterizzare sempre più tra i due territori, Lamezia-Catanzaro’. Insomma a detta di Abramo avremmo due sindaci e un Presidente provinciale anche a nostra tutela. Espressioni meritorie, valide, lodevoli, graditi. Però il Carlei e lì fermo, e il Parco Savutano, altrettanto. E quindi? Tutto vano? E allora seppur dopo mille promesse mancate, conferenze stampa roboanti, impegni e tempi certi per l’inizio lavori del Parco Savutano di Lamezia, non è giusto continuare nel silenzio totale. ‘E allora l’esigenza detta la condizione’”.

“Personalmente – aggiunge – credo che i cittadini lametini, non vogliano far spegnere la speranza di vedere realizzata l’opera tanto declamata, attualmente piena di sterpaglie e nel degrado più totale, mostrata ai tanti, che transitano dal luogo centrale in cui è nata, nel suo evidente decadimento e abbandono. La delusione è grande per tutti coloro i quali avevano creduto, dopo l’ultima venuta del Presidente Abramo, accompagnato da alte figure assessorili, stampa e tecnici abilitati, nelle sua realizzazione.

“A sentire il Presidente Sindaco di Catanzaro,  in occasione della sua presenza alla conferenza stampa appositamente convocata nella sala consiliare lametina, l’amministrazione di CZ, doveva dare un segnale concreto, per il Carlei e il Parco Savutano,i quali dovevano rappresentare il simbolo di una sinergia tra i due comuni e i due amministratori.” Avrei voluto crederci! Soprattutto rivedendo i termini dettati nella conferenza stampa, che ricordo erano: ‘Programmazione importantissima che vede i Comuni uniti e la Provincia attenta per l’area centrale della Calabria’”.

De Biase ricorda: “Nella conferenza stampa però, qualche dubbio già emergeva. A sentire il Presidente Abramo, la conclusione dei lavori per il parco Savutano era legato alla vendita di beni Provinciali, e ove i tempi e le condizioni si fossero dimostrati ostativi, potevano essere perseguite altre strade con i risultati sperati. Oggi? Ne l’uno e ne l’altro!”

“Insomma – precisa De Biase – mi ripeto: bene la sinergia con la città del Sindaco Mascaro, che per sua dimensione urbanistica è la spalla su cui la provincia deve poggiarsi; benissimo il progetto Parco mostrato e rimodulato e, soprattutto, ottimamente rappresentato agli organi di stampa e a quanti presenti; ottime le diversità delle promesse solenni che Lamezia ascolta da 10 anni; opportuna la venuta per la 2° volta del Presidente Abramo e del Suo Vice, Montuoro”

“Ma alla fine – conclude – la domanda è: per i 26,000 metri del parco lametino, polmone verde della città territorialmente al centro, ci sono speranze di inizio lavori e non belle promesse?”