LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Lamezia. Ennesima emergenza Covid, comitato Scuola in sicurezza scrive ai commissari, all’Asp e a Spirlì

3 min read

Il comitato Scuole, Sicurezza e Innovazione di Lamezia Terme, facente parte oggi del Comitato Nazionale I.D.E.A. Scuola Calabria, rammenta che la popolazione scolastica, ma più in generale tutta la popolazione lametina, non ha ancora avuto le necessarie rassicurazioni richieste con le nostre precedenti note

Comunicato Stampa

Ribadiamo infatti che, prima dell’apertura delle scuole, sarebbe stato necessario un parere scritto del Dipartimento di Prevenzione dell’ASP di Catanzaro di comunicazione del superamento delle criticità lamentate nella nota del 23 marzo 2021″, parere del quale ad oggi, non ci viene data alcuna notizia. Nessuna nota di riscontro neppure alla nostra nota del 6 aprile.

Presumiamo pertanto che il Dipartimento di Prevenzione “non abbia dato alcun riscontro circa il superamento delle condizioni di criticità denunciate al momento della proposta di sospensione”.

Come comitato che rappresenta i cittadini, genitori e personale della scuola, chiediamo quindi che vengano forniti alla cittadinanza ed alla popolazione scolastica, i dati dei contagi in città, nello specifico, avendo riguardo di dettagliare i seguenti dati:

  1. Presenza di variante inglese nella città;
  2. Dati dei contagi negli alunni con differenze tra i contagi degli alunni del tempo pieno e del tempo modulare e nel personale scolastico (ATA e Docenti);
  3. Dati sulla vaccinazione in città del personale scolastico e dei soggetti fragili;
  4. Chiediamo infine di sapere se il comune intende intervenire anche finanziariamente, dotando il personale scolastico delle più sicure mascherine ffp2 che proteggono maggiormente dalla diffusione della variante inglese;
  5. Chiediamo se è stata prevista una campagna di screening preventiva sulla popolazione scolastica;
  6. Chiediamo inoltre, quale misura di contenimento del contagio ha messo in atto la pregiata terna commissariale come misura di contenimento del contagio.

Qualora questo comune non dovesse essere in grado di fornire le necessarie rassicurazioni alle famiglie sulla sicurezza nelle scuole, chiediamo che si adotti la deroga consentita in casi di eccezionale e straordinaria necessità per i focolai ed i rischi estremamente elevati di diffusione del virus SARS-CoV-2 o di sue varianti nella popolazione scolastica, sentite le competenti autorità sanitarie, nel rispetto dei principi di proporzionalità, anche in riferimento a limitazioni applicabili in specifiche aree del territorio previste anche nel D.L. 44/2021, che portano solamente ad una inequivocabile ed indifferibile soluzione.

Senza necessità di ribadirvi i numeri già ampliamente dimostrati in altre precedenti missive, si allegano una serie di documenti scientifici che dimostrano una stretta correlazione tra incremento del virus nella popolazione e le aperture in presenza delle scuole;

Si allega pertanto:

Una recente analisi sulla sicurezza scolastica comunicata anche agli enti pubblici regionali ed alla stampa locale e nazionale lo scorso 26 marzo, redatta con la collaborazione scientifica di Cristiano Corsini, Roberto De Vogli, Alessandro Ferretti e Davide Tosi che non hanno certo bisogno di presentazioni con esplicito riferimento all’incremento dei contagi nella popolazione scolastica derivante da dati comunicati dalla comunità scientifica (report ISS) riguardo all’incremento dei casi negli alunni 0-9 e 10-19 anni.

lamezia-ennesima-emergenza-covid-comitato-scuola-in-sicurezza-scrive-commissari-asp-spirli

La presente rinnovando l’auspicio che si esca per sempre dal dualismo scuole aperte/in presenza-chiuse/in remoto e che si ridia più presto dignità al dibattito sulla scuola partendo della sicurezza scolastica nel territorio.