LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia. Fabrizio Muraca: intorno al sindaco una strana conventicola

2 min read
fabrizio muraca

L’altra sera cenavo con alcuni miei familiari che alle scorse elezioni comunali avevano votato Lucia Cittadino e, con l’umorismo che caratterizza le cene domestiche, mi chiedevano se fosse ancora in minoranza (dove si sta per mandato ricevuto dai cittadini, non è un’opzione) o, se come appare ormai chiaro, avesse fatto scelte di sostegno e fiancheggiamento all’attuale maggioranza guidata dal sindaco Mascaro

Comunicato Stampa

Aldilà di un intervento relativo ad una multa, non si sa cosa pensi dei temi della città, sui quali resta diuturnamente silente, dal PSC alla realizzazione di una nuova discarica, dalle schede contestate alle convalide discutibili, passando da SACAL e Lamezia Multiservizi S.p.A..

La scelta di polemizzare con l’Avv. Luigi Muraca, il quale banalmente invocava un confronto sulla realizzazione di una discarica in città (mica una cosetta da niente), esplicita ciò che i cittadini hanno percepito da tempo, e cioè che a Lamezia non vi è una fisiologica dialettica tra maggioranza ed opposizione (le eccezioni le fa salve non chi scrive ma chi osserva), bensì si è creata una conventicola intorno al sindaco, dedita più agli apericena ed agli inchini che alle risposte da dare ai cittadini ed al confronto democratico.

Il furore di Lucia Cittadino nel replicare all’Avv. Muraca che ha fatto seguito ad un anno di mutismo cosmico, senza peraltro dire se è a favore di un Consiglio Comunale sulla discarica quindi glissando nel merito, la dicono lunga sulla perversione istituzionale in atto in questa città. Invero, se un elemento di serietà ha avuto la nota della consigliera Cittadino, è stato quello di squarciare il velo dell’ipocrisia e di porre questa triste realtà al cospetto di tutti i cittadini e delle forze politiche.

Sono convinto che il PD saprà individuare un percorso per portare la dialettica politica nei corretti binari e smascherare giochini sordidi, Lamezia ha bisogno di civiltà non di democrature e genuflessioni ostentate.

Fabrizio Muraca