Sabato 4 Luglio 2020

LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia. Festa patronale: il plauso del vicesindaco Bevilacqua

2 min read
motori-lamezia

In  un messaggio postato sul suo account personale di Facebook, il vicesindaco di Lamezia Terme, avv. Antonello Bevilacqua, ha elogiato l’operato di tutti coloro che hanno reso possibili i tre tradizionali giorni di festeggiamenti

“Io invece, intendo ringraziare pubblicamente tutti gli Agenti della Polizia Municipale, le altre forze di polizia, il Segretario Generale, i Dirigenti, funzionari e dipendenti comunali, gli impagabili uomini e donne della protezione civile e delle associazioni di volontariato e chiunque altro, in pochissimi giorni, abbia consentito, con la sua silenziosa ma incessante opera, la perfetta riuscita della Fiera dei SS Pietro e Paolo.

E stasera queste stesse persone, unitamente a chi ha fornito palco e service, consentiranno anche lo svolgimento della Santa Messa all’aperto e del successivo concerto!

Così Antonello Bevilacqua sui suoi canali social, annunciando la possibilità di celebrare all’aperto e nel rispetto delle norme, la Santa Messa di questa sera.

Non era affatto scontato che la tre giorni si svolgesse senza troppe restrizioni, senza che la difficile situazione attuale ce ne concedesse una versione “ridotta”.

Sentitamente, perciò, ringrazia a sua volta l’intera città di Lamezia Terme, profondamente legata ai suoi patroni Pietro e Paolo e sollevata all’idea di una boccata di normalità dopo un lungo e soffocante periodo di isolamento sociale.

Non dimentichiamo però, il pericolo del contagio è sempre dietro l’angolo: non perdiamo di vista il buon senso e le regole che abbiamo appreso essere necessarie per il contenimento del Covid. Portiamo ancora con noi le mascherine, non accalchiamoci, sanifichiamo spesso le mani, non creiamo file a ridosso delle bancarelle e dei locali.

Per tenerci strette le ritrovate abitudini e le nostre suggestive tradizioni, è necessario che ciascuno continui ad agire con le accortezze necessarie.

Maria Francesca Gentile