LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Lamezia. Forza Italia chiede ad Abramo di rinviare le elezioni provinciali

2 min read

LAMEZIA. Il direttivo cittadino di Forza Italia chiede al presidente della Provincia di Catanzaro di rinviare le elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale. Infatti se le consultazioni avessero luogo così come stabilito, la città di Lamezia resterebbe senza rappresentanti non avendo un’assemblea cittadina in carica.

Di seguito la nota del direttivo azzurro lametino: “Apprendiamo dalla stampa che è stato firmato il decreto d’indizione delle consultazioni elettorali che designeranno i nuovi consiglieri provinciali che rimarranno in carica per due anni.
Come ben sappiamo queste sono elezioni di secondo grado a cui prenderanno parte solamente consiglieri comunali e sindaci della provincia.
La nostra città per l’ennesima volta resta penalizzata. Già nell’ottobre 2018 i nostri amministratori non poterono partecipare alla competizione e quindi tutelare il nostro territorio a causa dello scioglimento del consiglio comunale della nostra città. Oggi rischiamo che accada lo stesso, ovvero, che Lamezia Terme rimanga senza alcun rappresentante in seno al consiglio provinciale a causa dell’annullamento del voto in 4 sezioni per presunti brogli che causarono un nuovo commissariamento per la città della piana.
Reputiamo che questo non sia il miglior momento per indire nuove elezioni, ma sarebbe opportuno attendere che a Lamezia sia restituita la dignità tolta. Ovvero crediamo sia necessario che si attendano le nuove mini-elezioni del comune di Lamezia Terme già programmate per lo stesso giorno di quelle provinciali.
Chiediamo pubblicamente al presidente della provincia Sergio Abramo, visto anche la sua vicinanza al nostro territorio, da lui sempre manifestata sulla stampa, che rimandi l’elezioni provinciali e che dia la possibilità al nostro territorio, la seconda città della provincia, di avere rappresentanti che si possano battere per questa terra sempre da tutti bistrattata.
È il momento che Lamezia Terme non venga messa da parte ma che gli venga attribuito il giusto peso all’interno non solo del territorio provinciale, ma di tutto il territorio regionale”.