LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia, giornale dell’Ite De Fazio premiato a Cesena

3 min read
Ite De Fazio premiato a Cesena

Ite De Fazio premiato a Cesena

Il giornale dell’Ite De Fazio di Lamezia Terme, Partita Doppia, è stato premiato nei giorni scorsi a Cesena nel corso della XV edizione del concorso nazionale “FARE IL GIORNALE NELLE SCUOLE” del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, nell’ambito di una selezione che ha riguardato ben 500 scuole di tutta Italia.

Il concorso è nato 15 anni fa come strumento di arricchimento comunicativo e di modernizzazione del linguaggio nelle scuole e nella società.
Grande entusiasmo e soddisfazione ha espresso la dirigente scolastica Simona Blandino, che ha elogiato tutti gli studenti ed i professori della redazione di Partita Doppia per l’impegno profuso nel progetto didattico “Il De Fazio intorno a noi”, nel quale è inserito il progetto giornale, frutto di un continuo lavoro di squadra.

La premiazione ha avuto luogo presso il teatro Alessandro Bonci di piazza Guidazzi, con il saluto del sindaco di Cesena Paolo Lucchi che, con il conduttore della Domenica Sportiva Riccardo Cucchi, ha premiato le scuole vincitrici con la consegna di un diploma di merito e una medaglia.

Ha ritirato il prestigioso premio una delegazione di studenti, componenti della redazione di Partita Doppia, accompagnati dai professori Patrizia Calidonna e Raffaele Spada, coordinatori del laboratorio fare il giornale a scuola.

Gli alunni, inoltre, hanno partecipato al forum degli studenti sul tema “I nuovi orizzonti del giornalismo nell’era delle fake news”, che è anche valso come seminario nell’ambito della formazione continua dell’Ordine dei Giornalisti. Relatori sono stati il presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Carlo Verna, il direttore del QN Resto del Carlino Paolo Giacomin, Cristina Nadotti redattore senior de La Repubblica, il caporedattore del TGR Emilia-Romagna Antonio Farnè.

L’entusiasmo per i componenti della redazione si è unito alla soddisfazione di aver realizzato un progetto, che, sebbene inserito nel piano di recupero delle ore, ha propagato la sua forza creativa nella scuola, facendo emergere tanti talenti. Il giornale di scuola è uno strumento didattico formidabile perché permette agli alunni di esercitarsi non solo nella lingua italiana ma anche in francese e inglese. Inoltre è uno strumento di comunicazione nello stesso istituto dove si alternano tante belle iniziative con e per i ragazzi, che a volte cadono nell’oblio. Con Partita Doppia, invece, le iniziative dei colleghi diventano notizie da pubblicare sul giornale e raccontano il grande impegno dei docenti di una scuola grande come il De Fazio.

Ite De Fazio premiato a Cesena
Il premio ricevuto da Partita Doppia

Il premio è dedicato a tutti quelli che hanno creduto in Partita Doppia, in primo luogo alla dirigente Blandino, ma anche ai professori come Eura Borelli, Giovanni Serianni, Giovanna Adamo, Alfredo Trudi, Patrizia Calidonna, Adalgisa Caligiuri e Marisa Saladino e soprattutto agli alunni, spesso fragili, ma pieni di voglia di andare avanti.

Il riconoscimento dell’Ordine nazionale dei Giornalisti arriva in un momento particolare per questo progetto-laboratorio dove alunni e docenti insieme scrivono gli articoli, leggono, riassumono, riflettono sulle esperienze, si confrontano tra loro, e soprattutto fanno a gara per chi deve scrivere il “pezzo”.

È il terzo anno di vita della redazione di Partita Doppia, che ha visto avvicendarsi decine di alunni, tutti desiderosi ed animati di imparare e di partecipare, ma anche professori scesi dalla cattedra (si fa per dire, perché una volta sotto la cattedra c’era una pedana, ora non c’è più, che sopraelevava il docente) mettendosi in gioco anche loro per scrivere. Certo è un lavoro impegnativo, ma dà grandi risultati, quando l’alunno corre per consegnare l’articolo pronto, la foto più adeguata o il disegno più efficace.

Il premio dell’ODG, perciò, sarà uno stimolo a fare meglio, permettendo ai ragazzi di vivere l’esperienza come una palestra di confronto e crescita culturale e sociale.