Lamezia, omicidio dei due netturbini: 27 anni senza giustizia

In Cronaca Lamezia, Ultime notizie On
Lamezia, omicidio dei due netturbini: 27 anni senza giustizia

LAMEZIA. Giustizia! Questo il coro unanime levatosi quest’oggi nel quartiere Miraglia dove 27 anni fa, all’alba del 24 maggio 1991, furono uccisi i due netturbini Pasquale Cristiano e Francesco Tramonte.

I due dipendenti comunali erano sul camion della nettezza urbana quando furono barbaramente assassinati proprio mentre stavano compiendo il loro dovere.

Oggi familiari, amici e rappresentanti istituzionali hanno ricordato il duplice omicidio dei due lavoratori, un delitto efferato che è rimasto ancora impunito. Stamattina alle 5 i parenti stretti di Pasquale e Francesco si sono recati alla Miraglia per accendere dei lumini in memoria dei loro cari.

Con la grande dignità che li ha sempre distinti, col loro silenzio e la loro compostezza hanno ribadito un concetto fondamentale: “Fare memoria è importante, è giusto che la città ogni anno ricordi i nostri cari ma noi continuiamo a lanciare il nostro unico grande appello: vogliamo giustizia”.

Intorno alle 10 la commemorazione ufficiale presieduta dal prefetto Francesco Alecci alla presenza del parroco del quartiere don Aldo Figliuzzi e di tante autorità.

Tra i presenti il presidente della commissione regionale anti-ndrangheta Arturo Bova, il testimone di giustizia Rocco Mangiardi, gli esponenti del coordinamento provinciale di Libera, i rappresentanti delle forze dell’ordine.

Il commissario Francesco Alecci
Il commissario Francesco Alecci

Molto appassionato il discorso pronunciato dal commissario prefettizio Alecci che ha affermato: “Nel 1991 questa città era quasi completamente assoggettata al malaffare. Queste persone sono morte mentre lavoravano per la comunità e, ancora più grave, è il fatto che dopo 27 anni non sia stata fatta ancora giustizia”.

Alecci ha poi aggiunto: “E’ anomalo che oggi sia io a ricordare Pasquale e Francesco; è paradossale che dopo 27 anni questa città non abbia nuovamente un’amministrazione democraticamente eletta. La lotta deve essere comune, la criminalità deve essere combattuta, la gramigna deve essere estirpata alle radici – ha asserito energicamente il prefetto – Non possiamo essere amici di tutti”.

Daniela Fazio ha confermato il sostegno alle famiglie Tramonte e Cristiano da parte di Libera, associazione nome e numeri contro le mafie. “Abbiamo conosciuto 5 anni fa i parenti di Francesco e Pasquale e non li abbandoneremo; queste due famiglie stanno compiendo uno straordinario percorso che è di esempio per tutti e certo non resteranno da sole”.

Don Figliuzzi ha guidato un momento di preghiera sottolineando che noi non possiamo sottometterci alle logiche di morte; la vita trionfa sulla morte; l’esempio di onestà, rettitudine e laboriosità di Francesco e Pasquale non morirà mai.

Articoli Correlati

Conad Lamezia, Nacci: convinto che avremmo portato a casa il risultato

Top Volley Lamezia: arrivano le dimissioni di Vincenzo Nacci

La Conad Lamezia comunica di aver raggiunto un accordo per la rescissione consensuale del contratto che legava la società

Read More...
Nuove tratte di Flixbus in Calabria

Flixbus: dal 3 dicembre corse anche da Lamezia Terme

Corse per oltre venti 20 destinazioni (altro…)

Read More...

D’Ippolito ( M5S): “Inagibilità del teatro Grandinetti, esposto in procura”

LAMEZIA. Il deputato lametino Pino D’Ippolito (Movimento 5 Stelle) ha presentato questa mattina un esposto in procura per verificare

Read More...

Mobile Sliding Menu