Lamezia. Patto Sociale, estendere i contratti di fiume a tutti i bacini idrici della Città

In Politica On
Patto Sociale, estendere i contratti di fiume a tutti i bacini idrici della Città

Durante questi mesi di gestione commissariale della città di Lamezia Terme, sono state riscontrate alcune problematiche nell’amministrazione dell’ente comunale, le quali hanno provocato ingenti difficoltà nella regolare somministrazione dei servizi pubblici e nella gestione della burocrazia.

Comunicato Stampa

In particolare, la lentezza e farraginosità di quest’ultima ha provocato un rallentamento se non una progressiva interruzione dello sviluppo sociale. É sufficiente pensare alla recente e paradossale chiusura di alcuni spazi pubblici, ritenuti funzionali ed importanti per lo sviluppo della vita pubblica e sociale del cittadino lametino.

In questa situazione di empasse, si aggiunge un sentimento di insoddisfazione diffuso da parte di associazioni pubbliche e soprattutto di semplici cittadini, i quali continuano a lamentare con voce sempre più forte ed assidua ingenti disagi dovuti allo stato di totale abbandono ed incuria in cui la città è precipitata.

Proprio nell’ambito del decoro urbano, come Patto Sociale, stiamo ricevendo numerose istanze di protesta riguardanti alcune criticità, che dovrebbero essere oggetto di ordinaria amministrazione.

Difatti, alcune zone della città si presentano completamente trascurate e degradate.

Si pensi ad esempio, alla via martiri di Nassirya, la quale è fiancheggiata da marciapiedi dissestati, per via della presenza di erba incolta e degli alberi le cui radici stanno rendendo il percorso assolutamente sconnesso e poco praticabile.

Questa situazione di degrado mette i pedoni nelle condizioni di dover percorrere il tratto stradale direttamente lungo le estremità della carreggiata, esponendo quindi a sostanziali rischi, dovuti alla circolazione dei veicoli, la propria incolumità.

Purtroppo, la situazione peggiora ulteriormente quando viene preso in esame l’attuale stato di degrado in cui riversano i bacini idrici dislocati sul territorio comunale. Infatti, lo stato di abbandono dei bacini, unito occasionalmente alle abbondanti piogge, mettono a dura prova gli argini fluviali, accrescendo i rischi di esondazione e mettendo in pericolo, ancora una volta, la stessa incolumità dei cittadini. Basti osservare il torrente Cantagalli, il cui stato è in progressivo peggioramento.

Una possibile soluzione, a tal proposito, potrebbe essere individuata nell’adozione del cosiddetto contratto di fiume, istituito, a partire della scorsa stagione estiva, per il fiume Amato.

Il contratto di fiume è uno strumento volontario di programmazione strategica e negoziata che persegue la tutela e l’impegno ad una corretta gestione delle risorse idriche, volta alla valorizzazione delle risorse fluviali unitamente e alla salvaguardia del territorio comunale da potenziali rischi idrici.

Attraverso l’attuazione dei suddetti contratti si può, inoltre, e contribuire allo sviluppo locale attraverso un partenariato pubblico – privato.

Dunque, mediante l’adozione dei contratti di fiume, si persegue una strategia volta alla difesa del suolo, alla tutela dell’ambiente e della salute, alla riqualificazione delle reti fluviali e al concreto sviluppo sostenibile del territorio.

Inoltre, la funzionalità di questo strumento gestionale e di tutela è stata sottolineata dall’assessore regionale alla pianificazione territoriale Franco Rossi, il quale nel corso della prima conferenza dell’Osservatorio nazionale dei Contratti di Fiume tenutasi nei mesi scorsi a Roma,  ha ribadito che i “Contratti di Fiume determinano orientamenti obbligatori di finanziamento a valere sui diversi strumenti di programmazione negoziata (es. Agenda Urbana e Aree Interne sul Por 2014-2020, Patto per la Calabria, misure comunitarie Fesr sull’assetto idrogeologico e sulla difesa costiera, ecc.), in quanto le determinazioni di orientamento di sviluppo territoriale, di natura integrata, assunti nel Contratto hanno immediata applicazione sui Programmi finanziari di sviluppo locale, come lo hanno sugli orientamenti di pianificazione territoriale ed urbanistica a livello locale”.

Dunque, si propone l’estensione dei contratti di fiume agli altri bacini idrici della Città di Lamezia Terme, poiché si tratta di strumenti che rispondono adeguatamente ai principi di sussidiarietà e si configurano come validi strumenti in grado di coniugare il rendimento economico con la sostenibilità ambientale e utilità pubblica.

Alessio Filippone

Patto Sociale

Articoli Correlati

Lipu annuncia: 74 nuovi nati di cicogna bianca. Bilancio positivo

Secondo i riscontri della Lipu, vi sono  un nato in più e una coppia in più rispetto al 2017.

Read More...

AMA Calabria è primo ente musicale italiano di concertistica

Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente di AMA Calabria, Aurelio Pollice. (altro…)

Read More...

Vibo. Sgominata cosca dedita coltivare droga

A capo il figlio del boss Emanuele Mancuso, che ha iniziato a collaborare (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu