Lamezia. Polizia arresta 32enne per maltrattamenti in famiglia

In Cronaca Lamezia, Ultime notizie On
commissariato polizia lamezia terme

Personale del Commissariato di P.S. di Lamezia Terme, nella nottata odierna, ha tratto in arresto B. B., di anni 32, di origine marocchina ma abitante a Lamezia Terme, nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia

Infatti alle 00,40 di stanotte la Volante veniva inviata dalla S.O. in soccorso di una donna la quale aveva chiesto aiuto al 113.

Giunti in Piazza Mazzini, la richiedente l’intervento, veniva rintracciata ed identificata sotto la tettoia del vicino supermercato, dove la stessa si era riparata con in braccio la figlia di soli 11 mesi.

La giovane, anche lei di origine marocchina, riferiva che poco prima, era stata aggredita dal marito il quale le aveva lanciato addosso un bicchiere che l’aveva colpita alla testa, l’aveva afferrata dal collo e dopo averla colpita ripetutamente con pugni alla testa, le aveva rotto il telefono per impedirle di chiamare la Polizia. L’aveva mandata, con in braccio la bambina, fuori casa con la forza, incurante persino della tenera età della figlia e della bassissima temperatura della notte.

La donna e la bambina venivano soccorse richiedendo l’intervento di un’ambulanza e trasportate al Pronto Soccorso dell’ospedale di Lamezia Terme. I Poliziotti effettuavano un sopralluogo all’interno dell’abitazione e tra le altre cose notavano che l’uomo stava tranquillamente dormendo a letto e che all’interno della stanza da letto aleggiava un forte odore di alcool.

Applicando il Protocollo Operativo EVA, predisposto dalla Polizia di Stato a tutela delle vittime di violenze familiari, la donna e la bambina venivano messe in sicurezza e  l’uomo veniva tratto in arresto.

Infatti i Poliziotti avevano accertato che la donna aveva più volte denunciato i comportamenti violenti dell’uomo in ambito familiare, il quale, spesso sotto l’effetto di bevande alcoliche, aveva già sottoposto la moglie a soprusi e atti vessatori e violenti, minacciandola di morte con una mannaia ed in passato rompendole con un pugno il setto nasale.

Tale allarmante situazione, emersa dalle indagini immediatamente avviate, ha determinato l’arresto dell’uomo, che su disposizione del  Sost. Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, dr.ssa Marta Agostini, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza del Commissariato di Lamezia Terme in attesa del rito direttissimo.

Articoli Correlati

ferraro lamezia

Ferraro Lamezia si prepara per la trasferta col Volleyrò

Non sono mancati da più parti gli elogi per la buona partita disputata sabato scorso contro il Modica

Read More...
doppio intervento al grande ospedale metropolitano-LameziaTermeit

Fittante: da cosa nasce la scelta di curarsi fuori regione?

Da giorni imperversa sulla stampa locale e sui social la notizia che la Regione Calabria paga a quelle del

Read More...
ospedale pugliese ciaccio

Puccio (PD): azienda unica ospedaliera risultato da salutare con soddisfazione

L’approvazione da parte della competente Commissione del Consiglio regionale delle proposte di legge unificate per l’integrazione delle aziende sanitarie

Read More...

Mobile Sliding Menu