LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia. Rinviati a giudizio alcuni giornalisti accusati di aver diffamato l’avvocato Chirumbolo

2 min read

Riceviamo e pubblichiamo nota stampa inviata in redazione dallo studio legale Chirumbolo: “Rinviati a giudizio il direttore del quotidiano LAC News 24, Pasquale Motta ed il giornalista della medesima testata Giuseppe Baglivo, imputati di diffamazione aggravata per aver offeso la reputazione dell’avvocato Armando Chirumbolo.

Con decreto di citazione diretta a giudizio il sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lamezia Terme, dott.ssa Marta Agostini, ha disposto il rinvio a giudizio dei due, imputati per l’aver pubblicato, nel maggio del 2017, sulla testata giornalistica LA C News 24 l’articolo di cronaca giudiziaria recante il titolo: ” OPERAZIONE CRISALIDE: Da Giuseppe Paladino a Pasqualino Ruberto, da Marialucia Raso ad Antonio Mazza sino a Pietro Monterosso.

E poi quella foto che ritrae Alessandro Gualtieri (ieri arrestato) con altri due consiglieri comunali.”  Con l’ulteriore sottotitolo “ Ndrangheta a Lamezia, il sostegno dei clan ai politici: ecco tutti i legami ed i retroscena”, offendendo la reputazione dell’avvocato Armando Chirumbolo, menzionando il suo nome e pubblicando una fotografia ritraente il querelante in compagnia di altre tre persone una delle quali arrestata nell’ “Operazione Crisalide”, in grado di ingenerare il convincimento errato di un coinvolgimento dell’avvocato Chirumbolo nell’episodio di cronaca giudiziaria; atteso anche il richiamo alla foto contenuta nel titolo dell’articolo, foto poi risultata ritagliata da un precedente scatto effettuato in ben altro contesto, riportando altresì il nome dell’avvocato Chirumbolo nell’articolo stesso”.

A seguito di detta pubblicazione l’avvocato Chirumbolo, all’epoca dei fatti consigliere comunale di Lamezia Terme e consigliere provinciale di Catanzaro, e professionista molto noto, aveva personalmente presentato querela a tutela della propria persona, in quanto totalmente estraneo ai fatti artificiosamente attribuitigli dalla testata giornalistica LAC News 24, e mai, peraltro, indagato in procedimenti di qualsivoglia genere. I due imputati dovranno comparire dinnanzi al Tribunale penale di Lamezia Terme all’udienza fissata per il prossimo 23 novembre 2020, nella quale l’avvocato Armando Chirumbolo e lo Studio legale Chirumbolo si costituiranno parte civile”