LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Lamezia. Somministrati 120 vaccini agli over 80 nei locali della parrocchia del Carmine

2 min read
Lamezia. Somministrati 120 vaccini agli over 80 nei locali della parrocchia del Carmine

Somministrati ieri circa 120 vaccini ai soggetti “over 80” nei locali messi a disposizione dalla parrocchia della Beata Vergine del Carmine

Si sono tenute nella lunga giornata di ieri, all’interno dei locali della parrocchia della Beata Vergine del Carmine, le somministrazioni dei vaccini anti-Covid ai soggetti “over 80”.

Un’iniziativa che ha visto coinvolti tutti i gruppi parrocchiali, guidati da don Pasquale Di Cello e don Pino Latelli, volta a supportare l’intera comunità in un momento di forte destabilizzazione e paura, dettate dall’attuale emergenza pandemica.

L’idea di mettere a disposizione gli ampi spazi della parrocchia per la campagna vaccinale è nata dalla consapevolezza di quanto sia necessario velocizzare il più possibile gli iter e consentire soprattutto ai soggetti più fragili di avere tutti gli strumenti necessari per combattere questo terribile coronavirus.

Lamezia. Somministrati 120 vaccini agli over 80 nei locali della parrocchia del Carmine

Oltre 120 le dosi somministrate dai dottori Claudio Porchia, Patrizia Andricciola, Enrico Cupiraggi e Rosario Pugliano nel salone del Carmine di Sambiase, supportati da alcuni infermieri e informatori scientifici, che si sono messi a disposizione del personale medico e dei pazienti attraverso un lodevole servizio di volontariato.

Ciò è stato reso possibile grazie a un collaborativo lavoro di squadra, in cui ciascuno ha offerto gli strumenti a propria disposizione per il bene dell’intera comunità, con la consapevolezza di quanto sia possibile sperare e credere in un futuro migliore soltanto con il contributo di tutti.

Oltre al personale sanitario, ai sacerdoti e ai vari gruppi, un ringraziamento speciale va alla Genius Point di Pietro Monterosso per aver messo a disposizione la connessione Internet, oltre che alla pasticceria di Piero Volpe, che ha offerto la colazione ai volontari presenti.