LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia. Lo Sprar Due Soli festeggia 10 anni di attività

2 min read
Lamezia. Lo Sprar Due Soli festeggia 10 anni di attività

In occasione del “Migrant  Day 2019” lo Sprar Due Soli festeggia 10 anni di attività a Lamezia Terme

L’appuntamento dal fitto programma è per mercoledì 18 dicembre al Tip Teatro di via Aspromonte.

La giornata è pensata quale momento di ulteriore confronto attorno a dati, testimonianze, esperienze, e buoni propositi per il futuro. Come è cambiata la vita di alcuni beneficiari dopo il progetto?

Quali possibilità di inserimento o di formazione nella società e nel mondo del lavoro? E ancora, la bellezza delle relazioni e della comunicazione sociale, una comunità, una grande famiglia. Si discuterà di questo e molto altro, a partire dalle ore 17, mediante una tavola rotonda moderata da Valeria D’Agostino, giornalista e co-founder del Tip Teatro, a cui seguiranno gli interventi di: Roberto Gatto, (responsabile del Progetto Sprar Due Soli) Dahirou Faye( beneficiario Sprar/Siproimi), Paolo Mascaro (sindaco di Lamezia Terme), Fadil Naima (mediatrice del progetto) Serena Peronace(operatrice/psicologa dello sprar) Giulia Costanzo (insegnante, testimonianza della sua esperienza) Maria Scaramuzzino (giornalista, testimonianza della sua esperienza), Hafsa Abdulahi Alì (ex beneficiaria dello Sprar Due Soli).

Lamezia. Lo Sprar Due Soli festeggia 10 anni di attivitàSubito dopo, intorno alle ore 19, si passerà a un brindisi collettivo presso il bistrot dello stesso Tip Teatro, un aperitivo dai colori etnici, e infine spazio all’arte. Sarà proiettato il video del film maker Antonio Tonyp Grande girato in occasione della “Giornata Mondiale del Rifugiato 2019”.

A catena, in chiusura, sarà messo in scena “Io non sono il mio problema”, esito del laboratorio teatrale “Diversi (Quasi) Uguali” a cura di Dario Natale (attore e direttore artistico di Scenari Visibili e del Tip Teatro).

Fra i protagonisti beneficiari dello Sprar, alcuni ragazzi della Comunità Terapeutica Fandango, dell’Unione Nazionale Ciechi e Antonio Saffioti. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

L’ingresso è gratuito.