LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

LBC: odissea ragazza positiva al Covid, Mascaro vigili su sistema di tracciamento

2 min read
coronavirus covid 19

La vicenda della giovane lametina risultata positiva al Covid 19, denunciata prima sui social e poi attraverso gli organi di informazione, è un primo segnale d’allarme per tutta la comunità

Comunicato Stampa

Se quanto accaduto a lei e alla sua famiglia, ai quali auguriamo una rapida guarigione e di uscire al meglio da questa situazione, dovesse ripetersi per altri casi positivi, il rischio concreto è la paralisi del sistema di tracciamento nella nostra città e soprattutto lo sconvolgimento delle vite dei nostri cittadini.

Prendiamo atto delle dichiarazioni dell’ASP e delle nuove disposizioni sulla quarantena alla luce del decreto del presidente del consiglio della scorsa settimana. Ma il racconto della giovane ci mostra uno spaccato di realtà rispetto al quale non possiamo chiudere gli occhi: oltre il dettato normativo, chi opera sul territorio non può non confrontarsi con le realtà umane concrete. Quanto accaduto alla giovane lametina, può accadere in tantissimi altri casi: è evidente che, soprattutto nelle situazioni abitative in cui non sia possibile garantire il distanziamento, bisogna fare di tutto per “liberare” i componenti che risultassero negativi prima possibile per bloccare ulteriori contagi. Rispetto a questa situazione, specchio di evidenti falle nel sistema tracciamento e addirittura di vere e proprie mancanze stando alla denuncia della cittadina, chiediamo al sindaco, attraverso le dovute interlocuzioni istituzionali, di intervenire e soprattutto di vigilare sul sistema di contact tracing e sulle procedure che vengono in messo atto nella nostra città. Senza colpevolizzare nessuno ma con lo spirito costruttivo di un’azione di prevenzione che guardi al territorio e ai bisogni reali dei cittadini, un approccio con risvolti positivi come altre realtà italiane ci hanno insegnato in questi mesi.

Pur sapendo che vi è una diversità di competenze in capo a diversi soggetti, il sindaco resta la principale autorità sanitaria sul territorio. Per questo chiediamo un intervento deciso perché, al di là dell’aspetto burocratico-formale, ci sia attenzione e vigilanza sulla vita concreta delle persone e sulla garanzia del diritto alla salute.

Movimento Lamezia Bene Comune