LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lettera aperta di Calabria Sociale al Presidente della SACAL e GH

3 min read

Egregio Arturo De Felice, mega presidente della  gestione unica aeroportuale, mi pare che assieme alla sua squadra di esperti, (direttore generale e responsabile risorse umane) fino ad oggi avete combinato poco e niente, anzi, per la precisione, sono state consumate solo plateali sviste mai successo in tanti anni di società handling

Comunicato Stampa

Come mai presidentissimo? Cosa si è inceppato nella sua conduzione aeroportuale da primo attore di questo racconto, in cui i personaggi principali  sono però  i lavoratori (definitivi e stagionali) e i gli aeroporti? Mi scusi la perplessità, ma come lei ha dichiarato, nell’ambiente ha tanti informatori che la tengono al corrente di quello che si vede e anche di quanto non si vede, mi consenta un appunto, credo che questa sua convinzione è solo una fantasia strettamente personale, altrimenti saprebbe perfettamente che nei meandri del  triangolo aeroportuale, non circola un venticello di protesta  da poco ma un tornado da bufera epocale  pronto a scoppiare e travolgere tutto.

La sua ultima impresa, ha dell’assurdo, una azione vergognosa che va controcorrente e che si distacca da tutte quelle concordate negli aeroporti del territorio nazionale;ovvero la CIGS, per i danni del corona virus, se ricordo e se la memoria non mi tradisce, in un primo istante  era stato confermato  l’avvio della richiesta per l’applicazione della cassa integrazione; forse non ho capito! oppure qualcuno dello staff si è espresso male, lei non ha mai avuto alcuna intenzione di anticipare le somme.

La realtà negativa è emersa immediatamente, con l’ausilio della regione,inaccettabile il perché di questo appoggio fuori da ogni logica,oltre al mutamento di rotta della UIL Trasporti chissà per quale motivazione o interesse, una dimostrazione lampante di quanto poco abbia a cuore la sorte dei lavoratori del settore (non bastano gli auguri di Pasqua per entrare nella loro fiducia).

Mi spieghi, se lei presidente, e i suoi dirigenti, se ci tenete veramente alla società, non solo in modo virtuale ma pratico e tangibile, perché non vi siete ridotti lo stipendio per dare un riscontro effettivo ed un esempio alla volontà di rinascita? Lo sforzo era troppo oneroso? Forse, pensate che facendolo vi sareste ridotti alla fame? Le lascio il commento e la scena, se desidera rispondere. 

Egregio dottor De Felice le chiedo, vista la situazione creatasi ultimamente con l’espandersi di un virus che ha  falcidiato l’esistenza del settore, se  il suo Direttore generale e il  responsabile risorse umane, hanno la cognizione e la capacità di  poter gestire relazioni, rapporti  e colloqui con il sociale? Mi si voglia scusare ma credo proprio di no..

Comunque presidente non ha valutato il dato inconfutabile relativo alla sua presenza in SACAL e Gh, con il quale avrebbe compreso, da tempo, che il suo stato e quello della sua dirigenza restano in piedi perché sono i lavoratori che, con il loro impegno effettivo, consentono un operativo funzionante.

Mi permetta una precisazione, ma lei ha capito che la società handling è titolare di tre aeroporti come se fosse uno solo? La risposta alla gente del settore calabro.

In questo specifico orizzonte operativo non ci sono e non ci possono essere ne figli ne figliastri, ne, tanto meno, manie campanilistiche di supremazia territoriale. A conclusione, per questi tempi mutati e mutevoli, intendo darle un consiglio gratuito: viste le svariate situazioni già  esistenti e quelle emerse e aggravate dopo l’invasione violenta del covid-19, su cui non siete riusciti a combinare nulla di concreto, sarebbe realmente il caso di un abbandono dell’incarico, lasciando ad altri il compito di guidare, fuori dal pantano, la struttura del triangolo aeroportuale.

 

Gianfranco Turino

Associazione Calabria Sociale

Natura, Ambiente, Ecologia, Cultura, Turismo

Presidenza Regionale