Locri. Operazione Mendacium, truffa da 2 mln al Servizio sanitario

In Cronaca On
Locri. Operazione Mendacium, truffa da 2 mln al Servizio sanitario

Scoperta da Gdf Locri, denunciata rappresentante cooperativa

Nell’ambito dell’attività istituzionale in materia di contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica, i Finanzieri del Gruppo di Locri hanno accertato, al termine di una complessa e articolata attività di indagine denominata operazione Mendacium, una truffa aggravata in danno del Sistema Sanitario Nazionale perpetrata da una società cooperativa operante nella Locride.

Il risultato conseguito testimonia, ancora una volta, il ruolo fondamentale della Guardia di Finanza nel contrasto degli illeciti che possano ledere gli interessi della collettività, soprattutto in un difficile contesto socio-economico che caratterizza la Provincia di Reggio Calabria.

La struttura, accreditata dalla Regione Calabria quale Residenza psichiatrica ad alto trattamento ed elevata intensità assistenziale, è stata autorizzata ad operare nel tempo con un massimo di 10 posti letto.

La disamina della documentazione sottoposta a sequestro all’interno degli uffici della cooperativa e il raffronto con quella acquisita dalle Fiamme Gialle nelle diverse Aziende Sanitarie Provinciali della Calabria ha consentito di appurare un esubero di prestazioni rese dalla struttura senza alcuna preventiva autorizzazione rilasciata dal competente dipartimento dell’ASP.

In particolare, la cooperativa ha ospitato nel tempo pazienti in sovrannumero rispetto ai posti accreditati e autorizzati sforando il budget assegnato di circa 2 milioni di euro senza, tra l’altro, garantire i prescritti standard di qualità essendo dotata di una struttura organizzativa ritenuta idonea soltanto per l’assistenza di 10 pazienti.

Tale sforamento del budget è stato facilitato dall’assenza di controllo a livello regionale circa le prestazioni rese dalle singole strutture accreditate/autorizzate nello specifico settore.

Le indagini si sono concluse con il deferimento all’Autorità Giudiziaria della legale rappresentante della struttura per l’ipotesi di reato riguardante la truffa aggravata ai danni del Sistema Sanitario Nazionale.

Il risultato conseguito testimonia, ancora una volta, il ruolo fondamentale della Guardia di Finanza nel contrasto degli illeciti che possano ledere gli interessi della collettività, soprattutto in un difficile contesto socio-economico che caratterizza la Provincia di Reggio Calabria.

Articoli Correlati

Barbanti (PD): La Città di Lamezia deve sapere che non è il Centro Protesi INAIL

Barbanti: Sul nostro ospedale D’Ippolito continua ad arrampicarsi sugli specchi

La fantasia la usa a piene mani il deputato Giuseppe D’Ippolito che cerca solo di mischiare le carte alla

Read More...

Cirò (KR). Neonato trovato morto nel giardino di una abitazione

Era stato sotterrato ed é emerso dal terreno durante alcuni lavori (altro…)

Read More...
“Diari Meridiani. Matera 2019, andata e ritorno” promossa dall’associazione Nish

“Diari Meridiani. Matera 2019, andata e ritorno”, il bilancio della rassegna

I numeri da soli non possono bastare a fotografare ciò che è stata l’iniziativa “Diari Meridiani. Matera 2019, andata

Read More...

Mobile Sliding Menu