LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Di cosa parlava l’ultimo articolo di Ján Kuciak, il giornalista ucciso

3 min read
Ján Kuciak

Ecco cosa stava scrivendo Ján Kuciak, il giornalista slovacco ucciso a Bratislava. Al centro degli articoli del reporter gli intrecci tra politici slovacchi e imprenditori italiani vicini alla ‘ndrangheta. Sette italiani sono già finiti in manette.

 

Ján Kuciak, il giornalista di Aktualiy.sk trovando morto domenica scorsa insieme alla fidanzata alle porte di Bratislava, stava lavorando sulle trame degli imprenditori italiani che operavano in territorio slovacco. Kuciak, 27 anni, stava tentando di risalire il monte di malaffari che coinvolgerebbe uomini legati alle organizzazioni criminali italiane ed esponenti della politica locale.

Ieri la polizia slovacca ha arrestato sette italiani, tutti citati da Kuciak nei suoi articoli. In manette l’imprenditore Antonio Vadalà, il fratello Bruno e il cugino Pietro Catroppa, accusati dal giovane reporter di aver legami con la ‘ndrangheta calabrese. Per le stesse ragioni nelle città di Michalovce e Trebišov sono stati fermati anche Sebastiano Vadalà, Diego Roda, Antonio Roda e Pietro Catroppa.

La loro Fiat Punto bianca con targa italiana fece un’improvvisa inversione di marcia. Il poliziotto si insospettì del comportamento degli uomini, fermarono la macchina e la controllarono. Sul sedile posteriore trovarono una valigetta di legno nera con una pistola, 50 proiettili e una rivista. Era un modello di mitragliatrice cecoslovacca funzionale con un puntatore laser, ma con un numero di produzione distrutto. Secondo gli esperti, la valigetta è stata realizzata appositamente per conservare la mitragliatrice. Cinnante fu accusato di possesso illecito di un’arma e il giudice del tribunale distrettuale di Michalovce lo condannò a due anni in libertà vigilata”.
Ján Kuciak articolo
Nel prosieguo dell’articolo Ján Kuciak dimostrerebbe la vicinanza tra Viliam Jasaň, il segretario del Consiglio di sicurezza, e il Premier Robert Fico e i Vadalà.
La relazione tra Jasaň e Vadalà può essere dimostrata […] il figlio di Jasaň, Slavomír, ha ancora una joint venture con gli italiani, chiamata AVJ Real. Inoltre, quando una delle aziende di Vadalà è fallita di recente, è stato rivelato che Vadalà ha affermato di essere in debito con un servizio di sicurezza privato in cui Jasaň e suo figlio Slavomír sono stati coinvolti in passato. Ciò significa che due persone molto vicine ad un uomo venuto in Slovacchia, accusato di avere legami e di essere coinvolto con la mafia italiana, hanno accesso quotidiano al primo ministro della Slovacchia Robert Fico, che le ha scelte personalmente”.
Ján Kuciak, che nei mesi scorsi aveva ricevuto varie minacce telefoniche, stava ricucendo gli intrecci tra la politica interna e varie famiglia vicine alle cosche calabresi.
“Antonino Vadalà e Carmine Cinnante non sono i soli ad agire in Slovacchia. Nella parte orientale del paese operano altri quattro rappresentanti della famiglia italiana della Calabria, culla della ‘Ndrangheta. Oltre ai Vadalà e ai Cinnantes, ci sono anche le famiglie Roda e Catroppa. L’agricoltura è diventata la loro attività principale in Slovacchia. Possedevano o ancora possedevano dozzine di società. La loro proprietà varia in decine di milioni di euro. Gestiscono centinaia di migliaia di ettari di terra, per i quali ricevono milioni di sussidi.”
Redazione