LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Il lupo e la gru: fa…volando in dialetto, sempre!

3 min read
Il lupo e la gru

Il dialetto è un diletto: la sottrazione di una vocale, come si nota, genera un sorriso. Buon segno, come segnale di riorientamento

Riscrittura in lametino

«Fhari ’u beni, certi vòti, è pirdutu!

’Nu lupu, ’nu jùarnu, s’inducìu, ppi sbagljiu, ’n uassu sanu sanu,

e cci ’mpacchjiàu, pp’amaru distìnu, alli cannarozza.

Si disperàu a gran vuci, cà si pinzava

cà sa stavìa quazandu, affucatu ’i mala morti.

Parìa ’na picurella umili umili,

 l’avèravu duvutu vidìri,

mentri prumittìa mari e munti a chini l’avera pututu ajutari.

A ’nna gru, quandu ’u viditti, cci ’ndi pisàu, ah virità!

Cci calau ’u cùallu lùangu ’n menzu ’a vucca sua

e cci tiràu fhora chill’uassu du canali stùartu.

E mancu ’nda ringraziàu a chilla biniditta!

Pirchì? Cci dissi: ’Un va’ ringràzzia Ddiu

cà ’un t’aju mangiatu viva,

dopu cà m’ha’ cacciatu

’stu scùarpu da vucca mia!?»

Postilla etimologica: quazàri dal latino “quatio” (“battere, percuotere”) nel nostro idioma può significare, in un contesto connotativo come quello succitato, “cessare di vivere, morire”.  Come non ricordare a tal proposito un verso oraziano: Pallida Mors aqueo pulsat pede pauperum tabernas / regumque turris. O beate Sesti, / vitae summa brevis spem nos vetat inchoare longam. (Odi I, 4, vv.13-15), che potremmo tradurre, più o meno, così: La pallida morte batte indistinti colpi alle capanne dei poveri / e ai palazzi dei re. O felice Sestio, non lascia spazio /il breve volgere della vita a una durevole speranza.

Chiosa sull’ingratitudine: “Vale la pena di sperimentare anche l’ingratitudine, per trovare un uomo riconoscente”, diceva anche Seneca, il cui pensiero non si discosta dalla nostra favola. Amarezze da “C’era una volta”: gli ingrati, c’è da aggiungere, non si pongono alcun problema, anzi, vivono felici e contenti, sulle fiabe preparate dagli altri (restando sul tema), per strade spianate ricevute, come per le grazie, senza dire grazie!

Versione di Fedro

«Qui pretium meriti ab improbis desiderat,
Bis peccat: primum quoniam indignos adiuvat;
Impune abire deinde quia iam non potest.
Os devoratum fauce cum haereret lupi,
Magno dolore victus coepit singulos
Illicere pretio, ut illud extraherent malum.
Tandem persuasa est iure iurando gruis,
Gulaeque credens colli longitudinem,
Periculosam fecit medicinam lupo.
Pro quo cum pactum flagitaret praemium:
«Ingrata es» inquit «ore quae e nostro caput
Incolume abstuleris et mercedem postules».

Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)

«Se da’ malvagi ricompensa attendi,
     Doppio è il tuo errore: a’ rei soccorso appresti,
     Nè potrà tua follia irne impunita.
          * Erasi al Lupo ne la gola fitto
     5Un osso sì, che dal dolor forzato,
     Alto premio propose a chi il traesse.
     Alfin la Gru dal giuramento indotta,
     Fidando il lungo collo al Lupo in bocca,
     Giunge a le fauci, e con suo gran periglio,
     10Trattone l’osso, ogni dolor gli toglie.
     Chiesto il promesso premio; il Lupo: ingrata, 

     Da che fuor di mia gola impune il capo
     Traesti, non se’ paga, e mercè chiedi?» 

A Daniela Costabile, cui sono legato da amicizia profonda sin dai tempi del Liceo. Oggi siamo come ieri, questo è il bello, al di là dei nostri anni: il domani si fonda su questa continuità e noi ci riconosceremo, per sempre, perché siamo piccole gocce di memoria.

Prof. Francesco Polopoli

Click to Hide Advanced Floating Content