LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Un lupo ed una volpe davanti ad uno scimmione di giudice: un bel siparietto in Tribunale…

2 min read
Il lupo ed una volpe davanti ad uno scimmione di giudice:un bel siparietto in Tribunale…

Ed ecco un altro appuntamento vernacolare: questa volta l’aula giudiziaria si presta alla promozione del nostro idioma. Il fine è uguale per tutti, come la legge, d’altronde!

Riscrittura in dialetto

Chini è binzugnàru ’i natura,

puru quandu dici la virità,

’un n’è cchjiù cridùtu,

cumu dicìa nànnama.

’Nu lupu accusau ’na vurpi

cà avìa arrubbatu ’nduvi ad illu,

mentri chilla dicìa cà ’un cci ’ntrava propriu ’i nenti.

Chjiamàrunu ’na scimmia cumu giudici,

ppi chjiudìri ’sta quistioni ’na vota ppi tutti.

«Tu ’un mi pari fhacci di unu ch’è statu arrubbatu:
tu, pua, ’u sapìmu, ’mbeci, cà tìani ’a vranca longa».

’A curpa era di tutti i ddua, pirciò: sentenzia ’i scimmia, ccamu ’i diri!

Postilla etimologica: «vinzògna» ha la stessa radice di «menzogna». Alla base è «mentiri», deverbale di «mens» (“immaginazione, mente”): versione alterata della realtà, fatta con consapevolezza. Non è immaginaria, ma pensata: dal canto mio faccio rimare questa parola con «carogna», perché carognata è! A volte fa danni irreparabili…

Riflessione distopica: “In tempi di menzogna universale, dire la verità è un atto rivoluzionario” (George Orwell).

Versione di Fedro

Quicumque turpi fraude semel innotuit,
Etiam si verum dicit, amittit fidem.
Hoc attestatur brevis Aesopi fabula.

Lupus arguebat vulpem furti crimine;
Negabat illa se esse culpae proximam.
Tunc iudex inter illos sedit simius.
Uterque causam cum perorassent suam,
Dixisse fertur simius sententiam:
«Tu non videris perdidisse quod petis;
Te credo surripuisse quod pulchre negas».

Traduzione in italiano

Chi ha fama di essere bugiardo,
anche se dice la verità, non è creduto.
Lo dimostra questa breve favola di Esopo.

Il lupo accusava la volpe di furto;
lei diceva di non saperne nulla.
Allora la scimmia decise di fare da giudice.
Quando ognuno finì la propria arringa,
la scimmia, sembra, pronunciò la sentenza:
«Tu non hai perso, a parer mio,
quello per cui sporgi querela;
ma tu, di certo hai rubato quanto neghi».

A zia Eugenia Gentile, il cui legame attraversa le mie radici, fatto di terra impastata accanto a persone carissime e di mani generose pronte all’aiuto reciproco: un abbraccio fortissimo…

A Giuliana Carolina Montesanti, la cui eleganza è sempre accompagnata da suggestioni liriche ed evocazioni musicali: del resto, le più belle manifestazioni artistiche seguono queste direttrici, per essere produttrici di bello.

Ad Annamaria Agapito, il cui interesse per il dialetto si è intrecciato con la mia personale ricerca di consegnare alla comunità l’utile ed il dilettevole: anche un tuo pensiero, come attenzione, è stato “stupendo”. Grazie…

Prof. Francesco Polopoli

Click to Hide Advanced Floating Content