LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

M24A: ennesimo furto del Governo su ripartizione dei Fondi Next Generation EU

3 min read

M24A- Equità Territoriale invia una lettera al Presidente f.f. della regione Calabria, Nino Spirlì, al Presidente vicario dell’Anci Calabria, Francesco Candia e a tutti i Sindaci Calabresi

Comunicato Stampa

Il nostro (inteso di tutti i calabresi) rappresentante è a conoscenza dell’ennesimo furto perpetrato dall’attuale Governo nazionale sulla corretta ripartizione dei Fondi del Next Generation EU?

Ha letto le nostre PEC inviate ad Agosto 2020 e a Dicembre 2020 sulla corretta ripartizione dei fondi suddetti?

E’ consapevole che attualmente alla Calabria verrebbero sottratti qualcosa come oltre una decina di miliardi di Euro delle risorse del Recovery Fund, privando quindi la nostra Regione (di cui lei dovrebbe essere il primo difensore) di ossigeno importante per voltare pagina rispetto al sottosviluppo socio-economico?

E’ consapevole che proprio la Calabria è la Regione (tra quelle meridionali) che ha il più alto tasso di disoccupazione medio degli ultimi 5 anni (21% contro una media del centro-nord del 7%) e un più basso livello di PIL pro-capite (15 mila euro rispetto ai 34mila euro della media del centro-nord), e proprio in virtù di questi disastrosi parametri l’Unione Europea ha destinato il 28% circa delle risorse totale del Next Generation EU all’Italia (per cui sarebbe equo che queste risorse venissero investite nelle Regioni che hanno contribuito – con i loro parametri negativi – affinchè l’UE destinasse 209 miliardi di Euro al nostro Paese)?

E’ consapevole che la ripartizione che l’attuale Governo nazionale vorrebbe adottare (il 34% al Mezzogiorno) è contraria a ciò che non solo noi del Movimento per l’Equità Territoriale abbiamo già trasmesso via PEC ad Agosto e a Dicembre, ma è anche contraria alle risoluzioni approvate dalla Camera e dal Senato in data 13 ottobre 2020, a ciò che l’UE ha stabilito attraverso i criteri di ripartizione? E’ consapevole che al Mezzogiorno spetta il 70% delle risorse complessive, senza minimamente toccare quelle del Fondo di Coesione che già gli spettano in misura dell’80%?

Se è consapevole di tutto ciò Vi poniamo una domanda banale: perché ha fatto finta di non avere ricevuto l’invito del Presidente De Luca e non ha firmato il documento di tutti i Presidenti del Mezzogiorno (salvo Lei ed il suo collega leghista Solinas) affinchè si scongiurasse il furto del secolo?

Ad essere maliziosi potremmo pensare “perché ha ricevuto l’ordine dall’alto” di non presentarsi al tavolo indetto da De Luca (a seguito dell’avvenuta conoscenza da parte dello stesso del nostro rapporto), ordine partito da via Bellerio, infischiandosene che allo stesso tavolo si sono seduti presidenti di diversi colori politici, superando queste differenze e facendo gli interessi dei loro corregionali, in nome di una ragione molto più elevata dell’appartenenza politica: il futuro di milioni di cittadini del Mezzogiorno!

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca. Questo atteggiamento vi renderà complici di un furto clamoroso che si sta compiendo sulla pelle dei vostri corregionali. Complici anche il silenzio assurdo, ma ancora più pesante, da parte di tutti i Consiglieri regionali, di maggioranza e di opposizione (sebbene in regime di prorogatio). E complici tutti i Parlamentari eletti nella nostra Terra, o della nostra terra: dove sono? Con quale scusa giustificano i loro lauti compensi agli occhi degli elettori?

La Calabria è l’ultima regione d’Europa grazie anche al menefreghismo di chi, oggi come ieri, non ha mai difeso gli interessi dei calabresi.

Noi siamo qui per denunciare questo silenzio e il suo, in particolare, che dovrebbe essere il primo difensore dei nostri diritti, ma che, per ordini di partito, fa finta di non sapere, fa finta di non avere ricevuto in tempo l’invito, fa finta di giocare ad essere il presidente (facente funzioni) della Calabria.

Non vogliamo però essere maliziosi e ci auguriamo che questo nostro appello non cada nel vuoto: chiami De Luca e corra a firmare quel documento che è a difesa anche dei calabresi, scrollandosi di dosso, per un attimo, di quell’aura leghista che proprio non Le si addice.

M24A- Equità Territoriale