LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Malgrado Tutto: corona d’avvento su rotatoria Via Lanzino

2 min read

In occasione del Tempo di Avvento, la Cooperativa Malgrado Tutto, ha  trasformato la rotatoria di Via Lanzino, in una grande Corona d’Avvento ed ogni sabato sera verrà accesa una candela

La corona di Avvento, con il progressivo accendersi delle sue quattro luci, domenica dopo domenica, fino alla solennità del Natale, ci ricorda le tappe della storia della salvezza che Dio ha realizzato a favore dell’umanità, fino alla nascita del Cristo e ci e invita ad attendere il Signore che viene.

Ognuna di esse ha una denominazione ed un significato peculiari,

La prima candela è detta “del Profeta”, poiché ricorda le profezie sulla venuta del Messia.

La seconda candela è detta “di Betlemme”, per ricordare la città in cui è nato il Messia.

La terza candela è detta “dei pastori”, i primi che videro ed adorarono il Messia. Poiché nella terza domenica d’Avvento la Liturgia permette al sacerdote di utilizzare i paramenti rosa al posto di quelli viola tale candela può avere un colore diverso dalle altre tre.

La quarta candela è detta “degli Angeli”, i primi ad annunciare al mondo la nascita del Messia.

Le quattro candele rappresentano la Speranza, la Pace, la Gioia e l’Amore. L’accensione di ciascuna candela indica la progressiva vittoria della Luce sulle tenebre dovuta alla sempre più prossima venuta del Messia. La forma circolare della Corona dell’Avvento è simbolo di unità e di eternità.

Nella prima domenica, l’appello di Gesù a “vegliare”, «è un richiamo salutare a ricordarci che la vita non ha solo la dimensione terrena, ma è proiettata verso un “oltre”, come una pianticella che germoglia dalla terra e si apre verso il cielo. Una pianticella pensante, l’uomo, dotata di libertà e responsabilità, per cui ognuno di noi sarà chiamato a rendere conto di come ha vissuto, di come ha utilizzato le proprie capacità: se le ha tenute per sé o le ha fatte fruttare anche per il bene dei fratelli […] Il Tempo di Avvento viene ogni anno a ricordarci questo, perché la nostra vita ritrovi il suo giusto orientamento, verso il volto di Dio. Il volto non di un “padrone”, ma di un Padre e di un Amico» (Benedetto XVI).