LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Ex sindaco Materazzo: Lamezia città ingessata dall’ignoranza

2 min read
Ex sindaco Materazzo: Lamezia città ingessata dall'ignoranza

Ex sindaco Materazzo: Lamezia città ingessata dall'ignoranza

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa dell’ex sindaco di Lamezia Terme, ingegner Pasquale Materazzo, che fa una disamina sulla situazione attuale della città

Non c’è limite all’incompetenza, Lamezia è abbandonata a se stessa, e la responsabilità è si della terna Commissariale, ma la dirigenza del Comune ha mostrato limiti assolutamente inquietanti.

E’ ormai palese l’incompetenza dei dirigenti e viene spontaneo chiedersi come sia possibile che questi signori risultino vincitori di un pubblico concorso.

Un funzionario a prescindere dalla sua laurea deve aver una base culturale ed un uso della logica che gli consente di dare risposte a cittadini ignari, che si recano al Comune non per disturbare, ma per avere risposte.

Ciò che diventa intollerabile è il coraggio mostrato nel chiudere strutture sportive destinati ai giovani, mentre tremano a chiudere il Tribunale dove magari qualche Procuratore arrabbiato potrebbe arrestarli non per manifesta incapacità ma per interruzione di pubblico servizio dovuto a negligenza.

Della pratica di accatastamento se ne sta facendo una storia infinita, per chi ha quella cultura base innanzi richiamata sa benissimo che l’agibilità è assolutamente indipendente dall’accatastamento.

In base al DPR 380/01 le condizioni necessarie e sufficienti per dichiarare agibile un immobile sono la sicurezza degli impianti, la sicurezza igienico sanitaria, la sicurezza della struttura e la conformità urbanistica, quest’ ultima aggiunta dal 2016.

L’accatastamento, il certificato di qualificazione energetica e quant’altro sono assolutamente irrilevanti.

Anche per quanto concerne i quattro aspetti obbligatori non sono ostativi in quanto la giurisprudenza manifesta chiaramente che l’agibilità è legata alla sicurezza reale di un edificio e non alla sicurezza cartacea, pertanto qualora si verifichino situazioni particolarmente gravi ed urgenti i tecnici dovranno stabilire se ci sono le condizioni per un utilizzo completo o a particolari condizioni.

Pertanto da come si evince è un problema di competenza e responsabilità, solo un ignorante prende cento libri di edilizia e leggendo cerca di capire cosa fare, nel mentre una città è ferma e aspetta “la fumata bianca”.

Purtroppo la vergogna è tanta ma è altresì importante che ci si dia una mossa, specialmente la terna Commissariale che deve entrare nel merito di tanta incapacità e negligenza, altro che mafia c’è di peggio.

Ing. Pasquale Materazzo

 

Click to Hide Advanced Floating Content