Medici per diritti umani: immutata la situazione di San Ferdinando

In Attualità On

Il rapporto annuale di Medu parla chiaro: a San Ferdinando è cambiato ben poco

REGGIO CALABRIA. È stato presentato a Reggio Calabria il Rapporto sulle condizioni di vita e di lavoro dei braccianti stranieri nella Piana di Gioia Tauro realizzato da Medu, Medici per i diritti umani. A illustrarlo è stata la coordinatrice nonché autrice dello stesso, Jennifer Locatelli.

La Locatelli ha sottolineato che “per il quinto anno consecutivo dobbiamo purtroppo constatare che sull’emergenza profughi e stagionali di San Ferdinando ben poco e cambiato”.

Il rapporto nasce dall’esperienza condotta negli ultimi cinque anni a favore dei lavoratori migranti.

Sono 3.500 le persone, distribuite in vari insediamenti e utilizzate come manodopera a basso costo dai produttori di arance, clementine e kiwi.

La maggior parte si concentra a San Ferdinando dove permangono gravi carene igienico sanitarie a livello abitativo e di sicurezza.

“Nel lavoro se anche si registra un lieve incremento delle regolarizzazioni, che raggiunge appena il 30% del totale, non vengono sempre rispettati i più elementari diritti ed è spesso a rischio anche la stessa paga”, ha concluso l’autrice del Rapporto.

Redazione

Articoli Correlati

Infertilità e fecondazione assistita, meeting scientifico a Feroleto Antico

FEROLETO ANTICO. Una lunga giornata di studio e di dibattito sui temi della procreazione medicalmente assistita, sull’infertilità di coppia,

Read More...
Inclusione sociale e disabilità i lametini ne parlano-LameziaTermeit

Inclusione sociale e disabilità, i giovani lametini ne discutono

L'evento è a cura di Fish Calabria (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu