Migranti: restano detenuti Sacco e don Scordio coinvolti in Operazione Jhonny

In Calabria, Cronaca On
- Updated

Restano in carcere Leonardo Sacco, capo della Misericordia di Isola Capo Rizzuto, e don Edoardo Scordio, parroco della stesso comune del Crotonese, fermati lunedì scorso in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Dda di Catanzaro nell’ambito dell’inchiesta “Jonny” sui presunti illeciti nella gestione del centro di accoglienza per migranti.

Il Gip di Crotone, Abigail Mellace, non ha convalidato i fermi di Sacco e Scordio, ma ha emesso nei loro confronti la misura cautelare concordando con l’impianto accusatorio sostenuto dalla Dda secondo cui il centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto sarebbe stato controllato dalla cosca Arena della ‘ndrangheta. Secondo le risultanze dell’inchiesta condotta dalla Dda di Catanzaro, il Cara di Isola Capo Rizzuto, in particolare, era diventato una sorta di “bancomat” della cosca Arena, che si sarebbe appropriata dei fondi destinati alla struttura, per un totale di 36 milioni di euro.

Articoli Correlati

Trame.8. I bambini raccontano la ‘ndrangheta con libertà e creatività

L’altra metà di Yusuf curato da Fabio Truzzolillo che ne ha discusso con Daniela Valente (Coccole Books), Maria Teresa

Read More...
I commercialisti vincono il quadrangolare benefico Un goal a favore degli indifesi

I commercialisti vincono il quadrangolare benefico Un goal a favore degli indifesi

La squadra degli commercialisti ha conquistato il gradino più alto del podio al quadrangolare Un goal a favore degli

Read More...
Curinga. Al via il 4° Slalom curinghese 7 e 8 luglio

Curinga. Al via il 4° Slalom curinghese il 7 e 8 luglio

Già in moto da diverse settimane la macchina organizzativa del 4° Slalom curinghese, previsto i prossimi 7 e 8

Read More...

Mobile Sliding Menu