Mimmo Rotella fra Dada e cinema: CINEROTELLA dal Maon ad Aleph Arte

In Attualità, Calabria, Cronaca Lamezia, Eventi&Cultura, Ultime notizie On
- Updated

Nemo propheta in patria: è ormai arcinoto che difficilmente si riesca a veder riconosciuti i propri meriti, ancor più difficile che la Calabria renda onore, in vita, ai suoi artisti più importanti. È il caso di Mimmo Rotella, uno dei protagonisti della scena artistica italiana della seconda metà del XX secolo, in qualche modo anticipatore della Pop Art e legato al Noveau Realisme francese. Rotella, celebre soprattutto per la rielaborazione dei manifesti cinematografici, è legato a doppio filo con il New Dada e con il Neorealismo italiano: celebrato in tutto il mondo, è stato esposto a Lamezia per la prima volta in Calabria, ed anche protagonista, in occasione del centenario della nascita dell’evento collaterale alla mostra “Rotella vs Dada: da Duchamp e Man Ray al New Dadaismo”, in corso al Maon (Museo d’Arte Dell’Otto e Novecento) di rende, organizzata dal centro A.Capizzano di Rende -nell’ambito dell’ottava dizione delle Mostre Annuali del Centro Capizzano-, inserita nel PAC 2014-2020 della Regione Calabria.

L’evento, organizzato in collaborazione con il Centro Aleph Arte di Tonino Pujia, ha ospitato nelle sale del Palazzo Nicotera, il critico d’arte e direttore del MAON di Rende Tonino Sicoli, e il critico cinematografico e direttore del Lamezia Film Fest – LFF GianLorenzo Franzì, introdotti da Giacinto Gaetano, direttore del Sistema Bibliotecario Lametino.

mimmo rotella

L’incontro è stato aperto proprio da Gaetano, mentre Pujia, dopo aver salutato i suoi ospiti, ha proiettato un’intervista fatta all’artista proprio da Sicoli per RaiTRe, nel 1983, e un breve documentario di Mario Foglietti andato in onda su Tv7, RaiUno, del 1993.

Nel pomeriggio sono stati protagonisti i ricordi su Rotella: dalla madre, modellista di cappelli, ai Magazzini Voltaire che lo videro protagonista insieme a tanti altri intellettuali lametini e calabresi. Sicoli ha poi egregiamente rievocato la grandezza della sua figura d’artista, di spicco in Calabria, in Italia e nel mondo, a cavallo fra New Dada e Noveau Realisme, la potenza della sua arte e il sottotesto teorico.

La parola è poi passata a Franzì, che ha sottolineato il forte legame fra Rotella e il cinema, non solo dal punto di vista puramente esteriore ed estetico, ma anche teoretico: Rotella è stato contemporaneo al Neorealismo italiano (la cui nascita, come precisa Franzì, si identifica nel 1943 con Ossessione di Visconti, poi “sdoganato” nel ’45 con Roma Città Aperta di Rossellini), e come il Neorealismo ha utilizzato materiali “bassi” per fare arte, identificandosi inconsapevolmente con il cinema anche nel momento in cui creava attraverso il riciclo di materia e materiali già esistenti.

 

Franzì ha poi introdotto il documentario “L’Ora Della Lucertola” di Mimmo Calopresti: nell’opera del regista calabrese (che narra il suggestivo incontro fra l’artista Rotella e Calopresti stesso, a Milano nel suo studio d’artista, dove lui si racconta e racconta sessant’anni di avanguardia) si ascolta Rotella confessare il suo amore precoce per il cinema e per Marylin Monroe, inventando poi lui stesso il titolo del docu facendo risalire l’espressione a quando sua madre gli proibiva di uscire a giocare proprio nell’ “ora della lucertola”, ovvero l’una di mattina, quando fa più caldo ed escono solo le lucertole.

 

Valentina Arichetta

Articoli Correlati

All'Università della Calabria il XXIII Congresso Europeo sugli squali

All’Università della Calabria il XXIII Congresso Europeo sugli squali

Italia, Olanda, Turchia, Grecia, Belgio, Spagna, Sudafrica, Austria, regno unito, Portogallo, Messico, Francia, Spagna, Irlanda, Israele, capo verde, Malta,

Read More...
Carmen Consoli

Carmen Consoli chiude sabato 21 l’Estate Reggina 2019

Il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà l’aveva presentata a inizio giugno, nella Sala dei Lampadari di Palazzo San

Read More...
Carabinieri Cosenza

Cosenza. Rubano gasolio da pullman, due arresti

I mezzi erano in autorimessa, sono intervenuti i carabinieri (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu